L’ultima grana di Toto Wolff: Hamilton e Russell non si parlano più

Lewis Hamilton e George Russell pare siano arrivati ai ferri corti, il rapporto tra i due si è notevolmente raffreddato e Toto Wolff non lo ha nascosto

Lewis Hamilton ha iniziato un’altra stagione nel modo migliore che conosce: ovvero vincendo. Il pilota britannico ha sfruttato il GP del Bahrain per centrare non solo il successo, ma anche per strappare un altro record a Michael Schumacher: quello dei giri percorsi al comando di una gara (5126 vs 5111).

Hamilton
Foto di Valdrin Xhemaj / Ansa

Come se non bastasse, Sir Lewis ha anche eguagliato il Kaiser nel numero di stagioni con almeno una vittoria, agganciando Michael a quota 15. Numeri sempre più impressionanti per Hamilton, che ha addirittura rischiato concretamente di non essere al via di questo Mondiale 2021 di Formula 1, considerando il lungo tira e molla con la Mercedes per il suo rinnovo.

LEGGI ANCHE: Amare verità e dure ammissioni, Toto Wolff smaschera il paddock di Formula 1

Discussioni

Lewis Hamilton
Foto di Valdrin Xhemaj / Ansa

Il sette volte campione del mondo ha firmato poco più di un mese fa il prolungamento per una sola stagione, dunque a breve dovrà risedersi ad un tavolo con Toto Wolff per decidere cosa fare nel 2022. La sua intenzione è quella di proseguire, come ammesso alla vigilia del GP del Bahrain, ma dovranno passare alcune gare prima di essere sicuro di compiere questa mossa. Le prime discussioni potrebbero partire dopo il GP di Monaco, dunque intorno a fine maggio, quando la situazione sarà leggermente più chiara sia per Hamilton che per la Mercedes. E’ chiaro come Sir Lewis faccia ancora la differenza al volante della W12, dunque non sarà facile sostituirlo nemmeno con George Russell, pilota designato a prenderne il posto in futuro.

LEGGI ANCHE: Retroscena Mercedes, l’errore al pit-stop di Bottas causato da una pistola troppo ‘intelligente’

Rapporti tesi

Foto di EPA/Kenan Asyali / Ansa

Difficile che Hamilton e Russell infatti diventino compagni di squadra, tra i due pare che sia calato il gelo in seguito all’exploit del giovane pilota inglese nel Gran Premio di Sakhir 2020. I rapporti tra i due si sono drasticamente raffreddati e Toto Wolff non ha fatto nulla per nasconderlo: “è la prima volta che sento tutto questo. Tuttavia, i rapporti tra i miei piloti sono l’ultima cosa a cui penso – le parole del manager austriaco a Sport 24 – posso però immaginare che la concorrenza tra i due sia molto forte. I grandi piloti percepiscono subito quando arriva qualcuno di nuovo con talento”. Difficile dunque che Russell prenda il posto di Bottas nel 2022 considerando questa situazione, molto più facile che Russell sostituisca Hamilton quando Lewis deciderà di appendere il casco al chiodo. A quel punto però bisognerà anche valutare la posizione di Max Verstappen, il quale potrebbe essere scelto da Mercedes come l’erede di Hamilton. Il re però è ancora sul suo trono, di essere spodestato non ne ha proprio voglia: ci sarà tempo dunque per decidere la sua successione.