Raikkonen si ritira, ma il futuro è un rebus: “il mio piano? Non ha funzionato, dovevo smettere a 30 anni…”

Kimi Raikkonen ha commentato in conferenza stampa a Zandvoort la sua decisione di smettere a fine stagione, sottolineando di non avere ancora alcun programma per il futuro

SportFair

Un post social per annunciare il proprio ritiro, poche parole per mettere fine a una carriera durata 20 anni e impreziosita da un titolo mondiale conquistato al volante della Ferrari. Kimi Raikkonen ha deciso di smettere al termine del Mondiale 2021 di Formula 1, chiudendo un capitolo lungo e importante della propria vita, caratterizzato da trionfi e amare delusioni. Iceman non ha ben chiaro però cosa farà a partire dal 2022, non ha intenzione di fare piani ma solo di godersi la sua famiglia.

raikkone e vettel
Foto di Christian Bruna / Ansa

L’ironia di Iceman

In conferenza stampa alla vigilia del week-end del GP d’Olanda di Formula 1, Raikkonen ha usato l’ironia per parlare del presente e soprattutto del futuro: “il piano iniziale era quello di ritirarmi prima dei 30 anni, non ha funzionato. Non so ancora cosa farò dopo, non ho programmi. Li ho sempre avuti negli ultimi anni, tra Formula 1 e rally. Ora non li voglio. Questo è uno dei motivi per cui ho voluto voltare pagina. Non ho fretta, non ho pensato a nulla in particolare per il mio futuro e non ho voglia di pensarci. Se sapessi qualcosa del mio futuro adesso, lo annuncerei, ma non ho piani ora come oraVoglio godermi il tempo libero senza un programma che non sia quello di stare con la mia famiglia. Chi lo sa, forse farò qualche gara, forse no. Davvero non lo so“.