La cena con Maria Sharapova, la quarantena con Nadal e una mentalità giusta: i segreti dell’ascesa di Jannik Sinner

Jannik Sinner, le priorità e la mentalità giusta: i segreti del successo e della veloce crescita del giovane tennista italiano, oggi in finale al Miami Open

SportFair

Il grande giorno è arrivato! Jannik Sinner questo pomeriggio sfiderà il suo amico Hurkacz nella finale del Miami Open: nel caso in cui vincesse diventerebbe il più giovane campione del torneo.

Ma quale è il segreto di Sinner, giovane promessa italiana del tennis che tanto sta sorprendendo in giro per il mondo nei tornei più importanti?

Per capire il suo percorso verso il successo, bisogna sapere che vincere non è stata la sua priorità. Il segreto sta tutto nella mentalità che si è costruito lavorando con Riccardo Piatti suo allenatore.

Il percorso di Sinner

Nel settembre 2019, la star #NextGenATP stava cenando in un ristorante a Dolceacqua, in Italia, a meno di un’ora di auto da Monte Carlo. Al tavolo c’era anche il suo allenatore, Riccardo Piatti. Al tavolo con loro cenava però anche Maria Sharapova, ex numero 1 al mondo, che aveva da poco iniziato a lavorare con Piatti. E’ stata una serata tra amici che hanno condiviso storie e si sono semplicemente goduti il momento. “Volevo che Jannik comprendesse la mentalità di un numero 1. Maria ha delle priorità. Quando è in campo, guarda la palla, la colpisce e fa tutto alla perfezione. Quando gioca a punti, è concentrata a giocare a punti. Quando è fuori dal campo, si concentra sulla parte fitness, parte fisica. Quando finisce tutto, diventa socievole. Maria è un esempio che ha una grande mentalità per essere una campionessa“, ha raccontato Piatti ATPTour.com.

Fino a quel momento, Sinner era ancora abbastanza sconosciuto: non era ancora entrato nella Top 100 della classifica FedEx ATP, né aveva gareggiato alle finali ATP Next Gen. Ma Piatti desiderava disperatamente che il suo giovane atleta trascorresse più tempo possibile con i campioni per imparare da loro anche la più piccola lezione. “Ha visto la mentalità di giocatori importanti. Maria è stata molto, molto importante per me e per lui“, ha aggiunto Piatti.

Meno di due mesi dopo, Sinner ha conquistato il trofeo Next Gen ATP Finals come wild card e poi ha vinto il suo terzo titolo ATP Challenger la settimana successiva ad Ortisei. Sebbene gli piaccia vincere, non è mai stato il suo obiettivo principale. In quasi tutte le conferenze stampa a cui partecipa, Sinner racconta ai giornalisti di come è concentrato sul miglioramento e sulla “lunga strada” che lo attende. Questo è il motivo per cui Piatti, che ha lavorato con tennisti del calibro di Ivan Ljubicic e Richard Gasquet, era così eccitato quando ha ricevuto una chiamata da Carlos Moya in vista del viaggio di quest’anno in Australia. Lo spagnolo voleva Sinner come compagno di allenamento in quarantena di Nadal.

Ovviamente ero molto felice, perché devi vivere con questi ragazzi. Questi ragazzi sono abbastanza semplici e concentrati su quello che stanno facendo e a Jannik piace e capisce che Rafa è abbastanza simile a lui. L’unica differenza è che ha vinto 20 Slam“, ha scherzato Piatti. “Penso che questi 14 giorni per Jannik siano stati perfetti per capire la mente di Rafa“.

Per quanto scioccante sia, l’italiano si è concentrato completamente sul tennis da quando aveva 14 anni. Solo allora si è trasferito all’Accademia Piatti di Bordighera da San Candido – che è vicino al confine austriaco – e ha abbandonato lo sci. “È stato una specie di cambiamento di vita per me, perché non ho mai giocato a tennis. Giocavo a tennis solo due volte a settimana. Quando sono arrivato lì, mi sono esercitato ogni giorno, mattina e pomeriggio“, ha raccontato Sinner. “Per me, è stato molto difficile all’inizio, quindi è quello che mi ha aiutato, solo lavorare duro ogni giorno e cercare di non perdere energie in campo, perché è già dura. Se perdi energia extra senza alcun senso, è ancora più difficile“.

Sinner è una spugna. Se vince, bene. Se impara, ancora meglio. Questo è uno dei motivi per cui Sinner è diventato rapidamente uno dei giocatori più tranquilli del Tour, mostrando una grande maturità nonostante la sua età. Un altro motivo dietro questo, secondo Piatti, è il suo background sciistico. “Se scii o fai qualche gara capisci subito che devi essere concentrato e se sbagli sei fuori. Nel tennis, pensava che fosse il gioco. Gli piaceva il tennis perché si può sbagliare e poi tornare subito a giocare di nuovo … viene da un piccolo villaggio ei suoi genitori sono bravi lavoratori. Sa che tutti devono lavorare e se vogliono qualcosa, devono farlo molto bene“, ha raccontato ancora Piatti.

Sinner proviene da una famiglia umile. Entrambi i suoi genitori lavorano in un ristorante. Suo padre Johann è uno chef e sua madre Siglinde è una cameriera. “Ho visto che stava giocando bene, ma quello che ha attirato la mia attenzione è stato fuori dal campo. Era un ragazzo di 14 anni, ma aveva la mente di un giovane di 17, 18, 19 anni. Immediatamente vedi questo tipo di ragazzi. Jannik era così. Ha la personalità per stare con tutti, quindi era abbastanza maturo. Ero concentrato su questo e dopo ho cercato di aiutare a costruire il suo gioco“, ha aggiunto Piatti.

Durante la sospensione di cinque mesi del tennis professionistico lo scorso anno a causa della pandemia COVID-19, Piatti sceglieva almeno due partite a settimana per Sinner da guardare. “Ho mostrato non quando Novak stava giocando bene, ma quando Novak stava giocando male. Questo è stato importante per me“, ha detto Piatti. Si trattava di capire come i campioni gestiscono i loro momenti difficili e continuano a vincere. Sinner ha già imparato da alcune delle sue esperienze.

Oggi il mondo vedrà se Sinner è pronto per la gloria in un Masters 1000. Ma solo il tempo dirà quanti titoli collezionerà l’italiano. Per ora, Piatti vuole solo che il suo giocatore continui a imparare tutto ciò che può, anche se è semplicemente seduto a un tavolo da pranzo.

Questa finale è un momento importante, ma non l’ultimo. Fa parte di ciò che deve fare. Sono molto felice che sia arrivato ora, ma la stagione è lunga e il processo è lungo.