Ibrahimovic e il Festival di Sanremo, roba da… “scapoli e ammogliati”

La partecipazione di Ibrahimovic al Festival di Sanremo rischia di far esplodere il Milan, intanto l'ex ds Massimiliano Mirabelli è entrato a gamba tesa sui rossoneri

Fino a qualche settimana fa, la partecipazione di Zlatan Ibrahimovic al Festival di Sanremo non aveva sollevato alcuna polemica.

Ibra e Amadeus
Foto di Ansa

A distanza di pochi giorni e, dopo il tracollo che ha visto protagonista il Milan in campionato, lo svedese è finito nella bufera per questo appuntamento mondano piazzato nel bel mezzo della stagione. La kermesse canora è in programma dal 2 al 6 marzo e Ibra rimarrà a Sanremo per tutta la settimana, tornando a Milano solo il 3 per giocare a San Siro contro l’Udinese. Per il resto rimarrà in Riviera, lavorando da solo e lontano dai propri compagni.

LEGGI ANCHE: La Serie A non si piega alla coppia Sanremo-Ibrahimovic

Critiche

Foto di Ansa

A rendere più complicata la situazione è il tracollo del Milan, reduce dalle sconfitte in campionato contro Spezia e Inter, oltre al pari subito in extremis a Belgrado. Il ritorno di Europa League contro la Stella Rossa e la sfida dell’Olimpico contro la Roma appaiono adesso fondamentali, perché vincendole si ritroverebbe quella serenità che permetterebbe a Ibrahimovic di vivere senza pressioni il Festival di Sanremo. In caso di risvolto negativo invece, la situazione precipiterebbe, con la conseguente possibile esplosione di un gruppo apparso fin qui granitico.

Mirabelli attacca

Ibrahimovic
Foto di Matteo Bazzi / Ansa

Sulla partecipazione di Ibrahimovic al Festival di Sanremo si sono soffermati ormai un po’ tutti, compreso l’ex ds rossonero Massimiliano Mirabelli, che non le ha mandate a dire alla sua vecchia società: “non so quando siano stati presi gli accordi, ma di sicuro c’è che i rossoneri non sono un reality show. È una roba da scapoli e ammogliati, un messaggio sbagliatissimo all’interno di un gruppo. Questa vicenda, insieme al tam tam sui rinnovi, non fa bene all’interno del gruppo, sono distrazioni che alla fine poi paghi“. Parole dure e crude che fotografano una situazione davvero complicata per il Milan, che spera di mettersi alle spalle in fretta tutto questo, tornando ad occuparsi solo dei propri impegni sportivi.