Governo Draghi, è già scattato il toto-nomi: i possibili ministri del nuovo Esecutivo

E' già partito il toto-nomi dei possibili nuovi ministri del Governo Draghi, si va verso molte riconferme a partire da Speranza e Boccia

SportFair

Sono giorni frenetici questi per Mario Draghi, l’uomo incaricato dal Presidente della Repubblica di formare un nuovo Governo, con l’obiettivo di guidare l’Italia fuori dall’emergenza sanitaria ed economica.

Foto di EPA/Francesco Ammendola / Ansa

Prima l’ex presidente della BCE dovrà trovare la maggioranza, poi definire i nomi della sua squadra andando a creare un Esecutivo che potrebbe avvicinarsi a quello di Ciampi, con un mix di politici e tecnici. In tal caso Draghi si garantirebbe una solida base parlamentare, creando al tempo stesso una squadra d’elite.

LEGGI ANCHE: Crisi di Governo, l’ultima picconata di Salvini a Conte e Renzi: “finalmente un servizio reso all’Italia”

I possibili ministri

In attesa che Mario Draghi formi il nuovo Governo, ecco quali potrebbero essere i possibili ministri scelti per far parte dell’Esecutivo:

ECONOMIA Fabio Panetta, membro del board della Bce, molto stimato da Draghi. In lizza anche Dario Scannapieco, Lucrezia Reichlin e Ignazio Visco.

GIUSTIZIA Marta Cartabia dovrebbe prendere il posto di Alfonso Bonafede, possibile anche un ritorno di Paola Severino.

INTERNI – Luciana Lamogese dovrebbe essere riconfermata, rimanendo al suo posto anche con Draghi.

SALUTE – Roberto Speranza spera nella riconferma, dal momento che ricopre un ruolo chiave in un momento decisivo per la lotta al coronavirus e per la campagna vaccinale

RAPPORTI CON LE REGIONI Francesco Boccia corre anch’esso verso la riconferma, ma al momento è tutto in mano a Draghi.

LAVORO – Enrico Giovannini è il nome in cima alla lista di Draghi, l’ex presidente dell’Istat è anche gradito al Nazareno.

ESTERI – Elisabetta Belloni dovrebbe prendere il posto di Luigi Di Maio alla guida del ministero degli Esteri.

AGRICOLTURA – Teresa Bellanova dovrebbe riprendere il suo posto all’Agricoltura, visto che un ministero dovrebbe toccare a Italia Viva in un’ottica politica. E’ vivo però il ballottaggio con il collega Ettore Rosato.