Retroscena Michael Schumacher: quel giorno in cui rifiutò l’importante offerta di Todt

Subito dopo la fine dell'esperienza di Michael Schumacher con la Ferrari, Todt gli offrì un ruolo amministrativo che il Kaiser però rifiutò

Michael Schumacher è senza dubbio il pilota più vincente della storia della Ferrari, i suoi cinque titoli mondiali conquistati con la Rossa stanno lì a dimostrarlo.

Weber e Schumacher
Ryan Pierse/Getty Images

La sua avventura a Maranello è terminata alla fine del 2006, quando lasciò il volante a Kimi Raikkonen decidendo di ritirarsi, per poi tornare qualche anno dopo in Mercedes. Prima che Schumi rimettesse casco e guanti però, Jean Todt aveva provato a piazzarlo all’interno dell’organigramma Ferrari, senza successo.

LEGGI ANCHE: Mick Schumacher, partita la missione Ferrari

Il rifiuto

Badoer e Schumacher
Mark Thompson/Getty Images

Jean Todt, allora team principal della Ferrari, pensò di inserire Michael Schumacher all’interno della struttura di Maranello, attribuendogli un ruolo di responsabilità come quello del team manager. Il tedesco però rifiutò gentilmente, perché non attratto da quella prospettiva che gli avrebbe creato non pochi grattacapi. Qualche anno dopo Schumi spiegò il motivo del suo rifiuto ai microfoni di ESPN: “quando ho notato tutta la passione e la dedizione che Jean mette nel suo ruolo, il fatto che è in ufficio ogni giorno e ogni fine settimana, mi sono domandato: ho bisogno di questo? E mi sono risposto di no.