Mick Schumacher e il Team Haas, tutto pronto per la ‘missione Ferrari’

Gunther Steiner, team principal della Haas, ha sottolineato che l'obiettivo è quello di permettere a Mick Schumacher di conquistarsi un posto in Ferrari

Anno nuovo e team completamente diverso, con una line-up di piloti rivoltata come un calzino. La Haas ha compiuto una scelta epocale, mandando via Grosjean e Magnussen per affidarsi a Schumacher e Mazepin, due debuttanti che dovranno lavorare molto per competere con gli avversari.

Mazepin
Bryn Lennon/Getty Images

Gunther Steiner non ha paura anche se ha già dovuto fare i conti con gli eccessi del russo: “su Nikita non voglio parlare perché temo che le mie parole possano essere strumentalizzate, abbiamo risolto la questione internamente. Siamo stati costretti a emettere un comunicato perché alcune frasi di Pietro Fittipaldi sono state male interpretate e alcuni giornali avevano scritto appunto che avevamo lasciato a piedi Nikita. Grosjean? Sta bene, si è sottoposto a un intervento chirurgico alla mano sinistra, i medici hanno dovuto sistemare un tendine e ora stanno verificando se è il caso di fare un trapianto di pelle“.

LEGGI ANCHE: Tutti i segreti della nuova Ferrari SF21

Missione Ferrari per Mick Schumacher

Mick Schumacher
Bryn Lennon/Getty Images

Sull’arrivo di Mick Schumacher, il team principal del Team Haas ha fatto chiarezza: “nel momento in cui abbiamo deciso di ingaggiare due piloti giovani ci siamo rivolti a Mattia Binotto, sapendo che la Ferrari Driver Academy ne aveva cinque che disputavano la Formula 2. Ma a decidere che fosse Schumacher a venire da noi è stata la Casa di Maranello. Schumi è cresciuto in un team molto competente come la Prema. Mi farebbe piacere se riuscissimo a fargli fare una carriera come quella di Leclerc. In fondo anche Charles fece la prima sessione di prove libere ai GP con noi“.