Papa Francesco alza la voce, chiaro avvertimento ai cristiani: “mi dà fastidio chi prega come i pappagalli”

Papa Francesco ha lanciato un chiaro avvertimento a una parte del popolo cristiano, in particolare a coloro che pregano come i pappagalli, ossia senza cuore e passione

SportFair

Papa Francesco ha lanciato questa mattina una dura frecciatina nei confronti di quei cristiani che, nel recitare la Bibbia, recitano i versi a memoria senza saperne il significato.

Un atteggiamento che il Pontefice ha condannato nel corso dell’Udienza Generale nella Biblioteca del Palazzo Apostolico in Vaticano, utilizzando parole chiare e abbastanza nette. Secondo il Papa servono cuore e passione per recitare la parole del Signore, che altrimenti resta lettera morta imprigionata su un papiro.

LEGGI ANCHE: Triste lutto per Papa Francesco, il 2021 inizia con una perdita dolorosa

Le parole di Papa Francesco

Nel corso dell’Udienza Generale, Papa Francesco non è stato tenero nei confronti di una parte del popolo cristiano: “a me da un po’ fastidio quando sento cristiani che recitano versetti della Bibbia come i pappagalli. Recitando a memoria non ti sei incontrato con il Signore con quel versetto. Non è un problema di memoria ma di memoria del cuore, quella che ti apre all’incontro con il Signore e quel versetto quella parola ti porta all’incontro con il Signore. Le parole della Sacra Scrittura non sono state scritte per restare imprigionate sul papiro, sulla pergamena o sulla carta, ma per essere accolte da una persona che prega, facendole germogliare nel proprio cuore“.