Inter-Milan, Stefano Pioli tira le orecchie a Ibrahimovic: “è adulto e vaccinato, l’espulsione ha pesato”

Al termine di Inter-Milan ha parlato Stefano Pioli, che ha commentato l'esito della partita e poi si è soffermato sull'espulsione di Zlatan Ibrahimovic

Mastica amaro Stefano Pioli al termine di Inter-Milan, quarto di finale di Coppa Italia che i rossoneri si sono visti scivolare dalle mani dopo essere passati in vantaggio nel primo tempo.

Marco Luzzani/Getty Images

L’espulsione di Ibrahimovic nella ripresa ha complicato i piani dei rossoneri, prima agguantati da Lukaku su rigore e poi sorpassati nel recupero dalla punizione di Eriksen. Deluso ma fino a un certo punto Pioli nel post gara ai microfoni della Rai: “dispiace essere usciti perché era una competizione alla quale tenevamo. Essere rimasti in inferiorità numerica ci ha complicato la situazione, ma ho avuto delle risposte importanti dalla squadra che veniva da una brutta sconfitta. Invece da questo ko esco molto positivo e fiducioso per il futuro”.

LEGGI ANCHE: Risse, arbitri ko e il gol di Eriksen: l’Inter batte il Milan in un derby folle e vola in semifinale

Tirata d’orecchie a Ibra

Marco Luzzani/Getty Images

Stefano Pioli si è poi soffermato sull’espulsione di Ibrahimovic che ha condizionato la gara: “il rosso ha influito perché ha portato alla prima ammonizione, poi dopo la seconda è arrivata l’espulsione. Sono adulti e vaccinati e se si sono detti delle cose in campo bisogna passarci sopra e pensare alla prossima. Ha chiesto scusa da grande campione qual è. Non era facile continuare a stare alti senza un uomo. In dieci è diventata molto più difficile e forse siamo stati anche un po’ ingenui nel fallo che ha causato il rigore. Siamo stati una squadra generosa oggi, Ibrahimovic si è fatto prendere la mano sul rosso e poteva rallentare la corsa. Ci può stare“.