Totti nella bufera, un ex giocatore della Fiorentina lo accusa di razzismo: “mi chiamava negro”

Un ex giocatore della Fiorentina, il brasiliano Amaral, ha lanciato nei confronti di Francesco Totti pesanti accuse di razzismo

Francesco Totti è finito al centro di un polverone, a scatenarlo ci ha pensato Alexandre da Silva Mariano, ex giocatore della Fiorentina conosciuto come Amaral. Quest’ultimo, intervenuto a SporTv, si è reso protagonista di dichiarazione davvero sorprendenti, che riguardano l’ex capitano e dirigente della Roma.

Totti
Emilio Andreoli/Getty Images

Il brasiliano ha accusato Totti di razzismo, rivelando alcune frasi che il Pupone gli avrebbe rivolto durante un Fiorentina-Roma del 3 febbraio 2002: “Totti mi chiamava ‘negro’ e mi diceva che io, nella favela, mangiavo la merda. Io capì qualcosa e minacciai di fargli male, di rompergli qualcosa, però Di Livio mi ha chiesto calma. ‘Lui è il capitano’, disse. E io gli risposi ‘ma che capitano? Mi sta mancando col rispetto!’. Ero così nervoso che avrei voluto picchiare Totti”. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, il duro racconto di Totti: “la diagnosi un colpo al cuore”

Totti minaccia querela

Amaral
Grazia Neri/Getty Images

Francesco Totti è venuto a sapere di queste pesanti accuse di razzismo e ha fatto sapere di voler querelare Amaral, considerando le sue dichiarazioni lesive nei confronti dell’ex capitano e dirigente della Roma. Sulla questione inoltre è intervenuto anche Angelo Di Livio, coinvolto nella vicenda dal brasiliano, sconfessando le parole di quest’ultimo: “è assurdo che Totti abbia detto una cosa del genere, e io smentisco di aver fermato Amaral dopo quelle presunte frasiTotti non è un razzista, la conferma arriva da trent’anni di carriera senza mai una polemica nei suoi confronti. Amaral aveva bisogno evidentemente di farsi pubblicità, ma Francesco è rimasto davvero scioccato”.