Kyrgios, la follia di Cincinnati costa cara! L’Australia gli volta le spalle, la stampa è durissima: “non fatelo partecipare agli US Open”

La brutta figura di Nick Kyrgios nell’ATP di Cincinnati ha fatto infuriare la stampa australia: i media aussie spingono affinchè il tennista venga punito e gli venga impedito di partecipare agli US Open

Questa volta Nick Kyrgios ha superato il limite, anche per i suoi connazionali. La scenata dell’ATP di Cincinnati, nella quale ha insultato l’arbitro a più riprese, sputandolo e spaccando due racchette, comportamento che gli è valso una multa salatissima e una possibile sospensione, non è andato giù alla stampa australiana. Secondo quanto riporta la ‘Rosea’, Tony Jones, famoso giornalista di tv Nine, ha dichiarato: “Nick è un imbarazzo per il nostro sport e credo anche per lo sport mondiale. L’Atp dovrebbe finalmente mostrare la spina dorsale e usare la mano pesante, impedendogli di partecipare ai prossimi Us Open“.

Il The Australian ha definito la scenata di Cincinnati: “la più vigliacca mai vista, un bambino che perde il controllo e ha un attacco d’ira“, mentre  il Sydney Daily Telegraph: “show che ha toccato un nuovo punto più basso“.  Anche Andy Murray, che in passato lo ha sempre difeso, questa volta ha sottolineato il comportamento negativo dell’amico: “quello che ha fatto Washington due settimane (vittoria del torneo, ndr) è stato sublime, ciò che ha fatto a Cincinnati è da dimenticare in fretta“.