Alberto Puig Team Manager Honda
LaPresse/Simone Rosa

Puig, il paragone tra Valentino Rossi e Marc Marquez e le difficoltà di Jorge Lorenzo: le parole del team manager Honda

La MotoGp è in vacanza, ma mentre i piloti si godono un po’ di relax con amici e parenti non mancano gli argomenti di cui parlare. Dopo la gara in Germania, dove Marquez si è confermato re indiscusso, la stagione si ferma per la pausa estiva, per tornare in pista il 4 agosto a Brno, in Repubblica Ceca.

Intanto, intervistato da ‘El Confidencial’, Alberto Puig, che recentemente ha fatto discutere per le sue affermazioni sulla Ducati, ha parlato invece di Valentino Rossi e del paragone con Marc Marquez:  “Rossi è stato Rossi ed è ancora Rossi. Lui è stato un fenomeno e lo sarà sempre. Sta ancora combattendo per il campionato a 40 anni. Bisogna dire che ha segnato un’epoca e probabilmente finirà negli annali dei libri di storia del motociclismo come uno dei più grandi piloti di sempre. Anche Marc farà parte di quei libri di storia, ma con la riserva che probabilmente lo sorpasserà per numero di titoli. Aspettiamo e vediamo. Ogni stagione la moto cambia e talvolta migliora e talvolta no”.

Non poteva mancare un commento su Jorge Lorenzo, che a prescindere dalla sfortuna e dagli infortuni non è ancora riuscito ad adattarsi perfettamente alla sua nuova moto: “sapevamo che il suo adattamento sarebbe stato complicato. In ogni caso crediamo ancora nelle sue potenzialità. Ora però deve pensare a guarire fisicamente. Jorge ha un contratto fino al 2020. La Honda è una squadra seria e professionale al 100% e non rompe mai i propri impegni”, ha concluso il team manager Honda.