Eddy Merckx 
LaPresse/EFE

Eddy Merckx spegne l’entusiasmo intorno a Vincenzo Nibali: il ‘Cannibale’ non crede nelle possibilità del messinese al Giro delle Fiandre di quest’anno

eddy merckx
Lapresse

Il Giro delle Fiandre è considerato da tutti come l’università del ciclismo. Tutti i più grandi ciclisti hanno provato almeno una volta a correre su questo mitico percorso cercando di regalare spettacolo alle migliaia di fan sia in strada che davanti alla televisione. Tra i tanti corridori che hanno vinto la classica belga c’è Eddy Merckx, che ha trionfato nel 1969 e nel 1975. Tra i tanti atleti in gara ci sarà anche Vincenzo Nibali, fresco vincitore della Milano-Sanremo. Il capitano della Bahrain Merida esordirà al Giro delle Fiandre e tutti i ciclisti al via dovranno stare attenti alle sue enormi abilità. Non sarà facile perché il pavé e i muri non sono molto adatti alle caratteristiche del messinese (è più una corsa per ‘classisti’ come Gilbert, Sagan e Van Avermaet). Eddy Merckx è contento della presenza di Vincenzo Nibali al Giro delle Fiandre e ai microfoni della ‘rosea’ ha dato qualche consiglio al messinese su come affrontare questa prestigiosa classica:

“il ciclismo deve dire grazie a corridori così. Corridori come Valverde, Gilbert. E come Nibali, soprattutto. Ci sono sempre. Danno battaglia. Magari vincono, e dall’inizio alla fine dell’anno. Hanno uno spirito antico, quello dei miei tempi, che però se ci pensate è il più moderno e attuale possibile. Perché è quello che piace di più alla gente. Benvenuto al Fiandre, Vincenzo. Deve fare attenzione alle fratture del gruppo. Non ci sono i classici ventagli, ma la corsa si può spezzare in più parti e lui deve farsi trovare pronto, stare davanti. E quando le pietre sono separate da piccole fessure, cioè sono strette, deve fare ancora più attenzione, trovare l’equilibrio giusto in sella. Chiaramente sono segreti che si imparano solo con l’esperienza e lui è al debutto, però ha istinto e classe. Chi può escludere che trovi il feeling giusto al primo colpo? Molto difficile, non impossibile. Ho notato grande entusiasmo nel pubblico per la sua presenza. Gli riconoscono coraggio e passione».

Eddy Merckx ha spento l’entusiasmo dei fan sulla possibile vittoria di Vincenzo Nibali per questa edizione del Giro delle Fiandre:

“no. Quest’anno no. Il Fiandre non è la Sanremo e si troverà di fronte tanti specialisti. Però sono sicuro che farà tesoro di questa esperienza. E l’anno prossimo, se deciderà come spero di tornare, potrà essere già competitivo. Per vincere? Sì, per vincere”.