• Jonathan Ferrey/Getty Images
    Jonathan Ferrey/Getty Images
  • Andy Lyons/Getty Images
    Andy Lyons/Getty Images
  • Andy Lyons/Getty Images
    Andy Lyons/Getty Images
  • Jonathan Ferrey/Getty Images
    Jonathan Ferrey/Getty Images
  • Andy Lyons/Getty Images
    Andy Lyons/Getty Images
/

L’edizione numero 104 della 500 Miglia di Indianapolis la vince Takuma Sato, che centra così un clamoroso bis in carriera dopo aver trionfato sull’ovale americano anche nel 2012.

Takuma Sato
Jonathan Ferrey/Getty Images

Un successo arrivato in regime di bandiere gialle, dopo il tremendo incidente occorso a Spencer Pigot, finito contro le barriere di protezione che delimitano l’ingresso della pit lane. Un episodio che fa calare il sipario con un piccolo margine di anticipo sulla corsa, vinta dal giapponese davanti a Dixon, Rahal, Ferrucci e Newgarden. Solo un ventunesimo posto per Fernando Alonso, che completa per la prima volta la 500 Miglia di Indy in carriera senza riuscire a centrare l’impresa di vincere la Triple Crown in carriera. Per Sato invece è una giornata magica, che in un colpo solo fa felice sia il proprio team Rahal-Letterman-Lanigan che la Honda per la fornitura del motore.