/

La settimana scorsa la casa francese ha reso omaggio all’opera dell’ebanista Robillard, esponendo la 2cv da lui realizzata in legno a grandezza naturale nel museo virtuale Citroen Origins

Si ha così avuto modo d’immergersi nell’universo di un’auto unica al mondo e di scoprirne tutti i segreti. Richiamo a questa iniziativa originale, il Marchio ha pubblicato sui social network dei post ‘incisi su legno’ per tutta la settimana. Fonte inesauribile d’ispirazione dal 1948, quest’estate la Citroen 2cv è sempre al centro dell’attenzione. Dopo il 22° raduno ‘Mondiale 2CV’ del mese scorso in Portogallo, la mitica “Deuche” torna a far parlare di sé in un’altra forma o meglio in un altro materiale: il legno. Citroen celebra la 2cv in legno a grandezza naturale dell’ebanista Michel Robillard, diventata virale su Internet, “esponendola” nel museo virtuale Citroen Origins al posto della 2cv vera e propria proposta abitualmente. Michel Robillard, ebanista diplomato, è passato dai modellini alle dimensioni reali con un sogno: fare un veicolo in legno in scala 1:1 che si potesse guidare. In soli 6 anni è riuscito a realizzare una 2cv utilizzando esclusivamente vari tipi di legno (pero, melo, noce, …) sul telaio di una Citroen Dyane 6 del 1966.