Paratici mette nei guai altre squadre di Serie A: 5 club tirati in ballo

Lo scandalo delle plusvalenze in Serie A è destinato ad allargarsi: non solo la Juventus, rischiano anche altri club

SportFair

Un finimondo nel campionato di Serie A, lo scandalo che ha travolto la Juventus rischia di allargarsi anche ad altre squadre, considerate di ‘partnership’ nelle operazioni del club bianconero. Nel mirino sono finite le plusvalenze realizzate dalla Juventus negli ultimi anni, considerate fittizie per la necessità di sistemare il bilancio.

I rischi per il club bianconero sono evidenti, dall’ammenda ai punti di penalizzazione, più difficile la retrocessione. Novità anche sul fronte della manovra stipendi, è stata aperta un’indagine per gli stipendi pagati ai calciatori nei primi mesi della pandemia, anche in questo caso il club bianconero rischia punti di penalizzazione.

Atalanta Lazio
Foto di Paolo Magni / Ansa

Le altre squadre tirate in ballo

Nelle carte dell’inchiesta vengono menzionate alcune squadre del campionato di Serie A, più altre società che militano nei campionati inferiori. I nomi sono emersi da una telefonata tra Paratici e il direttore generale del Pisa.

L’argomento è Lorenzo Lucca, attuale attaccante dell’Ajax e grande protagonista nel campionato di Serie B proprio con la maglia del Pisa: “l’ho sempre fatto, anche con Caldara, l’operazione devi farmela fare a me! Dammi retta, l’operazione la faccio io anche per il Pisa! Tu devi darmi solo le linee, la metto a posto io. L’ho fatto per il Genoa tutta la vita, l’ho fatto per l’Atalanta tutta la vita, l’ho fatto per il Sassuolo tutta la vita. Quando ho i parametri dopo sistemo tutto”.

“Quando io facevo l’operazione per l’Atalanta o per il Genoa non è che pensavo alla Juve. Pensavo: il Genoa deve star bene perché se non deve fare l’operazione, allora come lo devo fare? Gli do un fisso, gli do un bonus che rimane al Genoa, gli do un bonus quando arriva alla Juve. Se va tutto bene troppi soldi per tutti! Dammi retta, fammi fare a me l’operazione”. 

Dalle intercettazioni, secondo gli investigatori, emergono “partnership” con società terze, con conseguente “opacità dei rapporti debito/credito”, oltre al rischio di “porre in pericolo la lealtà della competizione sportiva”. Nell’atto si citano Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Empoli e Udinese, oltre a squadre delle serie inferiori e straniere.

Infine l’affare Romero, tra Atalanta e Tottenham, dove si era trasferito Paratici, al quale Percassi dice: “quella lettera lì non potrò mai tirarla fuori, perché dovessimo andare in giudizio, viene fuori che ho fatto il bilancio falso”.