Formula 1 a lutto: morto Streiff, rimase tetraplegico dopo un incidente

Lutto nel mondo della Formula 1: addio a Phillipe Streiff, ex pilota francese che rimase tetraplegico dopo un incidente in pista

SportFair

La famiglia della Formula 1 si è svegliata alla vigilia di Natale con una brutta notizia: la morte di Phillipe Streiff all’età di 67 anni. L’ex pilota francese ha disputato 53 Gran Premi di Coppa del Mondo tra il 1984 e il 1988, correndo per Renault, Tyrrell, Ligier e AGS, ed è riuscito a salire sul podio in un’occasione come terzo posto nel GP d’Australia del 1985 dietro a Keke Rosberg e Jacques Laffite. Inoltre, è stato campione della F3 francese nel 1981.

Nel marzo 1989, in una sessione di test privati ​​per Goodyear sul circuito brasiliano di Jacarepaguá prima dell’inizio della stagione, Streiff subì un grave incidente che lo ha reso tetraplegico. La sospensione posteriore del suo AGS si è rotta mentre prendeva una curva ed è andato dritto contro i binari dove è finito a faccia in giù dopo un impatto brutale. Immobile nella sua auto, i soccorsi degli operatori del circuito sono stati noiosi e il suo trasferimento in ospedale ha richiesto troppo tempo.

Nonostante un’operazione d’urgenza, diverse vertebre cervicali colpite e una grave lesione del midollo spinale lo hanno lasciato su una sedia a rotelle per tutta la vita. “Sono rattristato nell’apprendere che Philippe Streiff è morto. Ha mostrato un’incredibile grinta e determinazione per tutta la vita. Il modo in cui ha superato il suo incidente e ha rimesso insieme la sua vita è stato stimolante. Inviamo tutti le nostre condoglianze alla sua famiglia in questo triste momento“, questo il commento di Stefano Domenicali, CEO di F1.