L’omaggio della Nba al mito Bill Russell: ritirato il numero 6, non lo indosserà mai più nessuno

Una decisione storica della Nba: è stata ritirata la maglia numero 6 di Bill Russell

SportFair

La National Basketball Association (NBA) e la National Basketball Players Association (NBPA) hanno annunciato che renderanno omaggio alla vita e al lascito dell’11 volte campione NBA e pioniere dei diritti civili Bill Russell, ritirando permanentemente il suo numero di divisa, il 6, in tutta la lega. L’iconico membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame sarà il primo giocatore ad avere il suo numero ritirato in tutta la NBA.

“L’ineguagliabile successo di Bill Russell in campo e il suo pionieristico attivismo per i diritti civili meritano di essere onorati in maniera unica ed epocale”, ha dichiarato il commissario della NBA Adam Silver. “Ritirando in modo permanente il suo numero 6 in tutte le squadre NBA, la straordinaria carriera di Bill verrà sempre riconosciuta”.

“Questo è un onore riservato a uno dei più grandi campioni che abbiano mai giocato”, ha dichiarato Tamika Tremaglio, direttore esecutivo della NBPA. “Le azioni di Bill dentro e fuori dal campo hanno contribuito, nel corso della sua vita, a formare in meglio le nuove generazioni di giocatori, e per questo gli saremo sempre grati. Siamo orgogliosi di continuare a celebrare la sua vita e la sua eredità insieme alla Lega”.

Oltre a ritirare il numero di Russell, la NBA renderà omaggio alla leggenda dei Boston Celtics per tutta la stagione 2022-23. Tutti i giocatori della NBA indosseranno una toppa commemorativa sulla spalla destra della maglia e ogni campo della NBA mostrerà un logo a forma di trifoglio con il numero 6 sulla linea laterale vicino al tavolo dei marcatori. I Celtics, per i quali Russell ha giocato durante tutta la sua carriera e che ha allenato, avranno un apposito riconoscimento per lui sulle loro uniformi, che verrà annunciato a breve.

Il numero di maglia di Russell, che ha indossato per tutte le sue 13 stagioni dal 1956 al 1969, non sarà più assegnato da nessuna squadra NBA ai giocatori. Coloro che attualmente indossano il numero 6 potranno invece mantenerlo tale.

Considerato vincitore per eccellenza e compagno di squadra modello, Russell ha trasformato il gioco con la sua difesa dominante e il suo atletismo elegante in posizione centrale. Ha toccato il record di 11 campionati NBA in 13 stagioni, dopo aver vinto due volte il campionato nazionale all’Università di San Francisco (1955 e 1956) e una medaglia d’oro con la squadra olimpica di basket maschile degli Stati Uniti (1956). Russell, che ha guidato Boston in otto campionati NBA consecutivi dal 1959 al 1966, è stato sinonimo di successo al punto che nel 2009 il Most Valuable Player Award delle finali NBA è stato intitolato a suo nome.

La sua miriade di successi comprende cinque premi come Most Valuable Player NBA, 12 selezioni All-Star NBA e 11 onorificenze All-NBA Team. Russell è stato nominato in tutte e quattro le squadre dell’anniversario NBA (25°, 35°, 50° e 75°) ed è stato inserito nella Basketball Hall of Fame nel 1975. Quattro volte campione NBA di rimbalzo, è al secondo posto nella storia della lega per rimbalzi totali (21.620) e rimbalzi a partita (22,5) nella regular season. I Celtics hanno ritirato la sua maglia numero 6 nel 1972.

L’impatto di Russell sulla NBA va ben oltre i suoi risultati di gioco. Nel 1966 fu assunto dai Celtics come primo capo-allenatore nero nella storia della NBA e dei principali sport professionistici statunitensi. Come giocatore e capo-allenatore, ha guidato Boston alla conquista di due campionati NBA nel 1968 e nel 1969.

Durante e dopo la sua straordinaria carriera cestistica, Russell ha sostenuto con passione i valori di uguaglianza, rispetto e inclusione. Ha marciato per i diritti civili con l’attivista Martin Luther King Jr. ed era fermamente convinto che tutte le persone dovessero essere trattate con dignità. Nel 2010 Russell è stato insignito della Medaglia Presidenziale della Libertà, la più alta onorificenza civile della nazione, per le sue imprese atletiche e per l’impegno di tutta la sua vita a favore della giustizia sociale.