Bagnaia, ennesima caduta al Sachsenring: “inspiegabile! Non capisco la dinamica e mi girano”

Bagnaia tra rabbia e delusione: le parole del ducatista dopo la caduta di oggi al Gp di Germania

SportFair

Ancora un Gran Premio amaro, amarissimo, per Pecco Bagnaia e la Ducati. Il pilota torinese, poleman al Sachsenring, ha concluso in anticipo il Gp di Germania, scivolando al quarto giro e dicendo così definitivamente addio ad ogni speranza di vittoria e/o podio.

Una scivolata, quella di Bagnaia, che lo manda a -91 punti da Quartararo, vincitore della gara tedesca, e che lo allontana sempre più dalla corsa iridata. Per il ducatista si tratta della quarta caduta in 10 gare: “partendo dal fatto che sulla moto c’ero io e sono caduto per quello che evidentemente è stato un mio sbaglio, dai dati non si capisce perché sia successo. È quasi inspiegabile: forse poteva essere che la gomma non fosse in temperatura, ma non era così, e sono stato anche molto dolce sul gas in quel punto. Cadute così le vedo quando mi alleno al Ranch, non in MotoGP: non capisco la dinamica e mi girano“, ha dichiarato nel post gara.

Il grip era già basso nel warm up lap, ma dal primo giro non mi pareva che fosse perfetto neppure Fabio che aveva la gomma media al posteriore, mentre io la hard. Dopo il via le opzioni erano due: se partivo in testa l’obiettivo era di cercare di gestire il ritmo, mentre se passava davanti lui e io non riuscivo a superarlo entro due giri dovevo rallentare un po’ ed è quello che stavo facendo. Ho infatti lasciato del margine per non stare troppo appiccicato e non scaldare eccessivamente la gomma anteriore. Se avessi fatto più giri forse avrei potuto accorgermi di qualcosa sulle gomme, ma con il senno di poi non si va lontano“, ha concluso.