Niente più super poteri, Marc Marquez impietoso con se stesso: “sono diventato come gli altri, un pilota normale”

Marc Marquez ha ammesso di sentirsi al momento un pilota come tutti gli altri a causa del dolore alla spalla che torna puntualmente dopo ogni gara

SportFair

Il duello con Pecco Bagnaia nel finale del GP di Aragon ha entusiasmato tifosi e addetti ai lavori, restituendo al Motomondiale un Marc Marquez di nuovo aggressivo. Un atteggiamento che lo spagnolo ha pagato però a caro prezzo nel post-gara, non riuscendo addirittura a sollevare il bottiglione dello champagne per via del dolore avvertito alla spalla. L’otto volte campione del mondo non si è ancora ristabilito completamente dall’infortunio accusato ormai più di un anno fa, ma continua a lavorare per provare a tornare al top: “nel 2017, 2018 e 2019 avevo qualcosa di più per salvarmi da potenziali cadute, ma ora sono diventato come gli altri, sono un pilota normale, fatico di più. Quando mi sentirò di nuovo extra, come Quartararo e come Bagnaia domenica, tornerò a guidare come prima. Ma ora non ho lo stesso feeling nell’approcciare le gare, so che se faccio un errore cadrò, perché non riesco più a usare il braccio come prima. Nel momento in cui sono rientrato a Portimao, pensavo che il processo di guarigione sarebbe stato più rapido. Non è così“.

marc marquez
Foto di Roma Rios / Gr/ Ansa

Lotta mondiale

Sono trascorsi nove mesi dalla terza operazione a cui Marc Marquez si è sottoposto, l’omero è ormai saldato ma il dolore continua a tornare dopo ogni sforzo. Si tratta di un’infiammazione che lo spagnolo sta provando a curare, senza però al momento riuscirci: “bisogna capire bene cosa sta succedendo alla spalla. Vediamo in futuro cosa dovremo fare“. Il problema potrebbe essere semplicemente dovuto a un deficit di forza per un sovraccarico muscolare, ma finché tutto non sarà più chiaro Marquez proseguirà a fare i conti con il dolore: “ad Austin sarò veloce, ma io voglio esserlo ovunque e lottare per il Mondiale“. Prima di volare in Texas però c’è l’appuntamento di Misano, una pista che potrebbe causare problemi al pilota della Honda dal momento che si tornerà a girare a destra. Un guaio in più da gestire per Marquez che, per tornare al top, dovrà passare anche da queste situazioni per riassaporare il gusto di lottare per il titolo.