L’Italia sogna il tris nei 100 metri T63 alle Paralimpiadi di Tokyo: Caironi, Sabatini e Contraffatto in finale con i tre migliori crono

Martina Caironi, Ambra Sabatini e Monica Contraffatto si qualificano per la finale dei 100 metri femminili categoria T63 con i tre migliori tempi assoluti

SportFair

Niente medaglie al momento per l’Italia nella penultima giornata delle Paralimpiadi di Tokyo, ma dall’atletica nelle prossime ore potrebbe arrivare una gradita sorpresa per i colori azzurri. Le batterie femminili dei 100 metri piani classe T63 hanno infatti acceso i riflettori su Martina Caironi, Ambra Sabatini e Monica Contrafatto: qualificate per la finale delle 14.26 di oggi con i primi tre tempi assoluti.

Caironi
Foto di Joel Marklund / Ansa

Record del mondo

Un risultato pazzesco a cui si aggiunge il record del mondo fatto segnare prima da Ambra Sabatini nella prima batteria in 14″39 e, poi, da Martina Caironi che si impone nella seconda heat in 14″37. Le tre azzurre si qualificano così in finale con i tre migliori crono, andando a sfidare queste avversarie: Elena Kratter (15″02), Sofia Gonzalez (16″17), Karisma Evi Tiarani (14″83, di classe T42, accorpata alla T63), Noelle Lambert (16″20)e Tomomi Tozawa (16″26).