La Nations League si avvicina, il ct Mancini sprona l’Italia e sfotte gli inglesi: “non facciamo tatuaggi come loro…”

Il ct Roberto Mancini ha parlato della prossima Final Four di Nations League, lanciando anche una frecciatina agli inglesi dopo la vittoria a Euro 2020

SportFair

La vittoria dell’Europeo è alle spalle, l’Italia adesso punta la Nations League con l’obiettivo di mettere in bacheca un altro trofeo, in attesa di tornare in campo per staccare il pass per i Mondiali di Qatar 2022. L’appuntamento è fissato per il 6-10 ottobre tra Torino e Milano, una Final Four che già è entrata nella mente del ct Mancini: “un po’ di scaramanzia ci vuole sempre, non possiamo fare come gli inglesi che si erano già tatuati la coppa… È un torneo importante e, giocando in Italia, speriamo di poterlo vincere. Poi, a novembre, ci saranno le ultime due partite di qualificazione a Qatar 2022. Dopo potremo dire qualcosa. Credo che nello sport difficilmente gli italiani falliscono e, quando c’è passione, quando ci sono momenti difficili, credo che noi riusciamo a dare il meglio. Il segreto del nostro gruppo? Innanzitutto bisogna conoscere quello che si fa e poi dare fiducia al team con cui si lavora, nel nostro caso i giocatori, far sentire che si crede in loro. È importante per far rendere le persone al massimo“.

Napoli rivelazione

Stuzzicato poi sul campionato di Serie A, Roberto Mancini ha ammesso: “penso sia normale un equilibrio in questo inizio di stagione, molti calciatori hanno giocato l’Europeo e la Coppa America, quindi sono arrivati non in grande condizione e le squadre hanno bisogno di assestarsi. Penso possa essere un campionato molto equilibrato fino alla fine con più squadre. La rivelazione? Potrebbe essere il Napoli: ha iniziato bene, secondo me è una squadra forte da diverso tempo. Poi c’è sempre l’Atalanta che sono anni che sta nella zona alta della classifica. Forse è un po’ presto per parlarne, spero solo che sia una Serie A combattuta“.