Chi è Botic Van de Zandschulp? L’avversario di Berrettini a Wimbledon che non ha mai superato il 2° turno in uno Slam

Botic Van de Zandschulp è l'avversario di Berrettni nel secondo turno di Wimbledon, l'olandese in carriera non ha mai superato il secondo turno in uno Slam

SportFair

Avversario inedito per Matteo Berrettini al secondo turno di Wimbledon, il numero uno azzurro infatti se la vedrà con Botic Van de Zandschulp, giocatore olandese arrivato al main draw come lucky loser dopo aver perso all’ultimo turno di qualificazione contro Marco Trungelliti.

Berrettini
Foto di Facundo Arrizabalaga / Ansa

L’olandese, numero 139 del ranking ATP, ha sfruttato al meglio il forfait di Dominic Thiem, entrando in tabellone e superando il primo turno contro il francese Gregoire Barrere, superato in quattro set al termine di un match giocato in maniera perfetta. Nessun precedente tra Matteo Berrettini e Botic Van de Zandschulp, dal momento che il 25enne di Veenendaal ha esordito in un main draw di un torneo del Grande Slam solo agli Australian Open 2021, perdendo in tre set contro lo spagnolo Alcaraz. Il vincente di questo incontro staccherà il pass per il terzo turno di Wimbledon, dove affronterà uno fra Aljaz Bedene e Yoshihito Nishioka.

Chi è Van de Zandschulp

Botic Van de Zandschulp
Foto di Christophe Petit Tesson / Ansa

Nato a Wageningen il 4 ottobre del 1995, Botic Van de Zandschulp sta vivendo un vero e proprio sogno ad occhi aperti a Wimbledon. L’olandese si è presentato a Wimbledon senza mai aver vinto una partita sull’erba, riuscendo a battere nelle qualificazioni prima Paolo Lorenzi e poi il turco Altug Celikbilek, salvo cedere all’argentino Trungelliti nel turno decisivo. Entrato in tabellone come lucky loser per via del forfait di Thiem, Van de Zandschulp ha superato anche il primo turno, intascando quasi 80mila sterline e guadagnandosi la possibilità di sfidare il top-ten Berrettini.

Best ranking

Botic Van de Zandschulp
Foto di Christophe Petit Tesson / Ansa

Il 25enne di Veenendaal ha raggiunto il suo best ranking in carriera salendo al numero 139 della classifica mondiale, dopo essere entrato nella top-200 nel 2019. Il suo debutto in un tabellone di un torneo del Grande Slam è avvenuto agli Australian Open del 2021, come miglior risultato invece al momento c’è il secondo turno al Roland Garros ottenuto battendo in rimonta Hubert Hurkacz, traguardo eguagliato proprio a Wimbledon. Nel 2019 ha ottenuto il suo primo titolo in carriera, imponendosi nel Challenger di Amburgo contro il connazionale Griekspoor. Adesso sulla sua strada c’è Matteo Berrettini, un avversario tutt’altro che semplice da superare ma contro cui Botic Van de Zandschulp non avrà nulla da perdere: l’Olanda tifa per lui, il numero uno azzurro farebbe bene a non sottovalutarlo se vuole proseguire il proprio percorso a Wimbledon 2021.