Roland Garros, Berrettini impietoso con gli organizzatori: “l’uscita del pubblico è stata una vergogna”

Matteo Berrettini ha espresso il proprio sdegno per quanto accaduto durante i quarti del Roland Garros con Djokovic, facendo riferimento all'uscita del pubblico

Una situazione grottesca, che già si era vista nel corso degli Internazionali d’Italia durante il match tra Lorenzo Sonego e Dominic Thiem.

Djokovic
Foto di Yoan Valat / Ansa

Questa volta invece è accaduto al Roland Garros nel corso dei quarti di finale tra Novak Djokovic e Matteo Berrettini, match che il pubblico non ha potuto gustarsi fino alla fine a causa del coprifuoco, che ha obbligato la gente a rientrare a casa prima delle 23. Una situazione davvero difficile da commentare, che gli organizzatori avrebbero potuto gestire in altro modo, per evitare che il pubblico non vedesse la fine di una partita per cui aveva pagato bei soldini.

Le parole di Berrettini

Berrettini
Foto di Yoan Valat / Ansa

Interrogato su questa situazione, Matteo Berrettini ha espresso il proprio punto di vista su questa grottesca vicenda: “penso che sia una vergogna l’uscita del pubblico, ma è una cosa più grande di noi e, dunque, possiamo solo sperare che questo momento passi in fretta. E’ stata dura per me fermarmi, perché mi sentivo bene e stavo vivendo un momento favorevole. Sono molto orgoglioso di me stesso e del mio team, ma non voglio fermarmi qua. Sono ancora giovane e questo è solo il mio secondo quarto di finale in uno Slam. Ho passato tanti momenti difficili per essere qua e voglio raggiungere risultati ancora più importanti”.