Attacco a Musetti, l’affondo di Boris Becker: “non ha rispettato Djokovic, doveva restare in campo”

Boris Becker si è scagliato contro Lorenzo Musetti per via del suo ritiro dal Roland Garros, un comportamento irrispettoso secondo l'ex campione tedesco

SportFair

Si è infranto dopo due set il sogno di Lorenzo Musetti di eliminare Novak Djokovic dal Roland Garros, fino a quanto il numero uno del mondo non ha preso in mano le redini dell’incontro senza lasciare scampo al proprio avversario. Una partita non arrivata fino alla sua naturale conclusione, colpa del ritiro di Musetti sul 4-0 del quinto set per motivi fisici, che non gli hanno consentito di concludere un incontro ormai definitivamente andato.

L’attacco di Becker

lorenzo musett
Foto di Ian Langsdon/ Epa/ Ansa

Il comportamento di Lorenzo Musetti non è piaciuto a Boris Becker, tre volte semifinalista in carriera del Roland Garros, il quale non ha lesinato critiche nei confronti del giocatore italiano: “non ho visto un grave infortunio, per questo non credo che vada bene fermarsi. Dovresti rispettare l’altro giocatore e dire ‘oggi mi batte’, così sarebbe stato 6-0. È una prova di maturità, anche se atleticamente non sei più al top. Devi sempre credere in te stesso dall’inizio alla fine, soprattutto contro i grandi. Musetti è il miglior adolescente insieme a Sinner, ha creato molti problemi a Djokovic: fa tutto bene, non ha un colpo eccezionale, ma il servizio va bene, il movimento, la tecnica, e anche la fiducia perché ha vinto troppe partite“.