Varato il MY Hawa di Benetti: eleganti linee esterne ed tonalità “desert sand”

Benetti ha varato ieri il My Hawa: uno yacht dalle linee esterne eleganti, così come la tonalità "desert sand" voluta dall'armatore

Il cantiere Benetti di Livorno ospita un altro importante evento legato a un progetto full custom: il 29 aprile ha toccato per la prima volta l’acqua un nuovo yacht lungo 48 metri e realizzato su misura per il suo armatore.

La barca è l’ambizioso frutto della collaborazione tra Benetti e lo studio inglese RWD, autore del design degli interni e degli esterni. L’armatore, appassionato di nautica e con una grande esperienza alle spalle, affezionato cliente Benetti, si è dichiarato molto soddisfatto del risultato ottenuto e ha riconosciuto al cantiere il suo eccellente know-how e la capacità realizzativa nel portare a termine un progetto in cui le sue suggestioni sono state un notevole stimolo.

Benetti yacht MY HawaCaratterizzato da eleganti linee esterne, MY “Hawa” si distingue per l’elegante tonalità “desert sand” dello scafo, scelta dall’armatore, e l’originale layout che ha come filo conduttore la volontà di proporre un continuo contatto con l’ambiente esterno enfatizzato anche dall’uso di raffinati elementi e materiali di arredo, tra le essenze spiccano l’eucalipto verniciato opaco con dettagli in noce scuro e inserti in pelli e marmi di tipologie diverse.

Il Main Deck, in particolare, gode di una luminosità incredibile grazie a un salone con cinque aperture sull’esterno chepermettono continui affacci sul mare. Sullo stesso ponte, a prua, al posto tradizionalmente riservato alla galley, l’armatore ha chiesto di avere una pantry e un’ampia cabina vip con doccia con sauna che precede la grande master cabin, a tutto baglio e con finestre laterali drop down. Qui l’ambiente è stato progettato con uno studio privato per l’armatore, letto, due armadi sul lato sinistro e zona lounge e bagno a destra nave.

Il Lower Deck accoglie 3 cabine doppie per gli ospiti e la galley dotata di dumbwaiter che permette di servire tutti i ponti, Sun Deck compreso. La beach area, infine, ha due aperture laterali che si trasformano in piattaforme sul mare e si aggiungono alla spiaggetta di poppa. Gli interni del beach club sono pensati per godere dei momenti di relax grazie a un comodo divano a L, un bagno dotato di doccia con sauna e una zona dedicata alle attrezzature per la pesca e le immersioni, grande passione dell’armatore.

La poppa dell’Upper Deck è pensata per i momenti conviviali all’aria aperta con una zona relax, conversazione e prendisole. All’interno, alla luminosa sky lounge con due ampie finestre laterali apribili, si aggiungono una pantry, una palestra attrezzata, anch’essa con finestrature laterali apribili, e la wheel house con vetrate a tutta altezza che coprono 180°, dove alla classica timoneria a ruota l’armatore ha preferito una futuristica “light bridge console” sviluppata da Benetti. Il livello di integrazione software avanzatissimo, derivato dalla tecnologia militare, e la scelta di avere schermi a cielino e una poltrona per il comandante ergonomica Besenzoni, ha permesso di avere tutti i comandi in due piccole “penisole” come fossero braccioli aggiuntivi della “Captain Chair”. Rack e dispositivi di navigazione sono quindi alloggiati all’interno di due vani dedicati all’ingresso della plancia.

Il Sun Deck è pensato per godere al meglio di ogni momento della giornata, gli spazi di poppa e prua sono separati da una struttura antivento con porte scorrevoli che aumentano la sensazione di privacy di ospiti e armatore: l’area di poppa, con tavolo da 12 persone e un grande divano che diventa area cinema è accessibile da una scala esterna mentre la zona di prua con bancone bar attrezzato, tavolo da 4 e divano prendisole che guarda a prua è accessibile per la crew da una scala separata.

La carena, progettata dallo studio P.L.A.N.A. in collaborazione con il centro Ricerche e Sviluppo di Azimut Benetti assicura prestazioni elevate e un’ottima tenuta di mare per una navigazione sicura e confortevole. La sala motori ospita una coppia di MTU da 1.268 Kw ciascuno che garantiscono allo yacht una velocità massima di 15,5 nodi e una autonomia di 4.000 miglia nautiche a 10 nodi di crociera.