America’s Cup, quanto guadagna chi vince? Tutta la verità sul montepremi del Team New Zealand

Un montepremi pari a zero per il Team New Zealand: nessun compenso in denaro per i vincitori dell'America's Cup, ma ci pensano gli sponsor a dare all'equipaggio ciò che si merita

E’ terminata la 36ª edizione dell’America’s Cup. Nella notte, è andato in scena al largo di Auckland il recupero della 10ª gara, che si sarebbe dovuta disputare ieri, ma che è stata rimandata per condizioni meteo instabili.

Luna Rossa ce l’ha messa tutta, ma il Team New Zealand si è fatto trovare più preparato e pronto a difendere il titolo, alzando così al cielo per la quarta volta nella sua storia l’ Auld Mug. Festa grande quindi ad Auckland, con Burling e compagni che hanno esultato stappando spumante.

Quanto guadagnano i vincitori

Foto di Gilles Martin-Raget/ Ansa

Sembra, però, che le tasche dei vincitori dell’America’s Cup festeggino un po’ meno. Si fa per dire… Quanto guadagnano coloro che si sono aggiudicati la più prestigiosa e antica competizione di vela? Sembra che il montepremi sia pari a zero, quindi assolutamente nulla! Gli organizzatori dell’America’s Cup, così come quelli della Prada Cup, non prevedono un montepremi in denaro per risultati sportivi. Non c’è però da disperare: sono tanti gli ‘incassi’ che arrivano dagli sponsor e, probabilmente, è previsto un premio extra, a prescidenre dallo stipendio, in caso di vittoria.

Quanto costa partecipare all’America’s Cup

Non tutti sanno che per partecipare all’America’s Cup bisogna pagare una costosissima quota di iscrizione. Quella del 2021 è di ben 2 milioni di dollari per squadra. Ma non finisce qui: ogni squadra ha poi un costo di gestione’. Bisogna infatti sostenere importanti spese per poter avere a disposizione le barche più tecnologiche al mondo, gli equipaggi più forti, i velisti e tanto altro. La spesa ammonta a decine di milioni di dollari.

Durante l’America’s Cup 2013, si diceva che l’Oracle Team USA, sottoscritto dal miliardario Larry Ellison, avesse speso circa 200 milioni di dollari per assicurarsi la vittoria finale, investendo sui migliori velisti, sul miglior progetto e dunque la realizzazione di una barca perfetta.