Svolta epocale nella NFL, Russell Okung è il primo sportivo della storia pagato in Bitcoin

Russell Okung, offensive tackle dei Carolina Panthers, ha chiesto che il suo ingaggio di 13 milioni di dollari venga pagato per metà in Bitcoin

SportFair

Una vera e propria rivoluzione, che potrebbe cambiare clamorosamente il mondo dello sport. Potrebbe avvenire in NFL, la Lega professionistica di Football Americano, dove un giocatore ha deciso di percepire metà del suo stipendio in Bitcoin.

Russell Okung
Grant Halverson/Getty Images

Si tratta di Russell Okung, offensive tackle dei Carolina Panthers, che ha chiesto e ottenuto di ricevere 6,5 dei 13 milioni di dollari del suo ingaggio in criptovaluta. Servirà il nulla osta di NFL e NFL Players Association, ma nel caso in cui dovesse arrivare si tratterebbe di una svolta clamorosa nello sport professionistico.

Stipendio in Bitcoin

Russell Okung
Grant Halverson/Getty Images

Russell Okung aveva già in passato espresso la volontà di essere pagato in Bitcoin, ma adesso il suo desiderio è stato esaudito grazie alla start-up Zap, capace di convertire istantaneamente i tradizionali pagamenti in criptovaluta. Il 32enne texano, vincitore del Super Bowl del 2014 con i Seattle Seahawks, è pronto a diventare un pioniere dei Bitcoin, diventando il primo sportivo professionista ad essere pagato in criptovaluta.

Sulla scia di Okung

Okung
Kevin C. Cox/Getty Images

Russell Okung ha scelto di percepire la metà del suo stipendio di 13 milioni di dollari in Bitcoin, dunque 6 milioni e mezzo, che verranno convertiti dalla start-up Zap. Quest’ultima inoltre ha fatto trapelare che ci sono altri atleti che hanno intenzione di seguire la scia di Okung, ossia giocatori professionisti di New York Yankees e Brooklyn Nets. La scelta di farsi pagare in Bitcoin pare che al momento sia quella giusta, dal momento che la criptovaluta ha da poco sfondato quota 28 mila dollari segnando un rialzo del 270% da inizio anno.