Barcellona, il curioso desiderio di Lionel Messi: “a volte vorrei l’anonimato, essere uno sconosciuto”

Lionel Messi ha ammesso nel corso di una lunga intervista di desiderare spesso l'anonimato, per potersi godere le cose semplici della vita

La scorsa estate è stato vicinissimo a lasciare il Barcellona, mandando addirittura un burofax al club blaugrana chiedendo di essere lasciato libero di andare via dalla Catalogna.

Lionel Messi
Juan Manuel Serrano Arce/Getty Images

Lionel Messi al momento sembra aver accantonato la voglia di andare via, spiegando ai microfoni di ‘La Sexta’ ciò che lo aveva spinto a compiere quell’importante passo: “è vero che in estate ho trascorso un brutto periodo, causato da ciò che è successo prima dell’estate e da come era finita la stagione. Tutto questo me lo sono portato un po’ dietro all’inizio, ma ora sto bene. Mi sento di lottare seriamente per tutto ciò che mi aspetta. Sono eccitato. So che la società sta attraversando un momento difficile, ma sono carico. E’ vero che sono un privilegiato per tutto ciò che mi è capitato di vivere, però a volte desidererei l’anonimato, essere uno sconosciuto. E godermi il fatto di poter andare tranquillamente a un mercatino, al cinema o a un ristorante“.

“Guardiola e Luis Enrique i migliori”

Messi
Valerio Pennicino/Getty Images

Lionel Messi ha poi rivelato quelli che sono stati i migliori allenatori avuti in carriera, entrambi spagnoli: “Guardiola ha qualcosa di speciale, ti fa vedere tutto nel dettaglio: come ha preparato le partite, la fase difensiva e offensiva. Sono stato fortunato ad aver trascorso molto tempo con lui e Luis Enrique, che sono i migliori secondo me. Averli avuti così a lungo mi ha fatto crescere molto dal punto di vista tattico e in generale“.