coronavirus
Mario Tama/Getty Images

La notizia più importante è arrivata ieri, con il CEO della Pfizer che ha annunciato il 90% di efficacia del vaccino che la propria azienda sta sperimentando. Parole che hanno colto di sorpresa tutti, determinando un forte incremento anche dei titoli in borsa.

Coronavirus
Michele Lapini/Getty Images

Nonostante sia ancora in Fase 3 di sperimentazione, il nuovo vaccino anti Coronavirus dovrà essere approvato dall’Agenzia europea prima di essere prodotto in grandi quantità e ceduto ai vari Paesi. Per quanto riguarda l’Italia, stando alle indiscrezioni rivelate da Repubblica, il vaccino dovrebbe arrivare nella seconda metà di gennaio 2021, in base ad accordi presi in videoconferenza lo scorso 29 ottobre tra Speranza e i vertici della Pfizer.

coronavirus
Mario Tama/Getty Images

Una volta approvato dall’Agenzia europea, dal 20 gennaio il governo potrebbe ricevere le prime dosi e iniziare a immunizzare gli operatori sanitari e gli ospiti delle Rsa. Il contratto di fornitura sarà unico ed europeo, è stato già annunciato un contratto di acquisto di 200 milioni di dosi, con l’opzione per altri 100 milioni. All’Italia spetterà quasi certamente il 13,5% del totale della prima tranche, ossia 3,4 milioni di dosi che dovranno essere somministrate in due occasioni, dunque verranno immunizzate circa 1,7 milioni di persone.