Hamilton
Pool/Getty Images

Nessuna novità a Imola, la Mercedes fa doppietta e vince il settimo titolo Costruttori consecutivo, cancellando il record della Ferrari che aveva già eguagliato l’anno scorso.

Hamilton
Pool/Getty Images

Dal 2014 al 2020, un dominio incontrastato nel corso del quale né il Cavallino e né la Red Bull hanno potuto nulla, inchinandosi allo strapotere di una macchina che ha quasi sempre fatto il vuoto alle proprie spalle. Protagonista assoluto di questa cavalcata non può che essere Lewis Hamilton, che tra poco festeggerà il settimo titolo della propria carriera, il quinto con la Mercedes. Un binomio imbattibile, soprattutto per Valtteri Bottas, costretto a inchinarsi anche oggi al proprio compagno di squadra, nonostante la pole position ottenuta ieri.

Leclerc
Pool/Getty Images

Improponibile il confronto tra i due compagni di squadra, un divario assoluto che permette a Hamilton di non sudare nemmeno nel vincere il GP di Imola. La Mercedes si gode la doppietta e il titolo Costruttori, anche se i dubbi sull’esito di questo Mondiale sono stati pochi fin dalla prima gara in Austria. Ferrari non pervenuta, Red Bull leggermente meglio ma mai capace di avvicinare le Frecce Nere, imprendibili per qualsiasi avversario. Un Mondiale assolutamente meritato ma, lasciatecelo dire, così è come sparare sulla Croce Rossa…