Tappa caratterizzata da 150 km perfettamente pianeggianti di risalita della Pianura Padana attraverso strade a volte ampie a volte ristrette, sostanzialmente rettilinee che portano al primo passaggio in centro a Monselice dove inizia un quasi-circuito di circa 40 km molto impegnativo caratterizzato da due muri in sequenza.

Dopo Galzignano Terme la corsa affronta il Roccolo attraverso la concatenazione di 3 salite diverse (il Muro di Vallorto max 20%, la salita di Castelnuovo e il Roccolo vero e proprio max 17%) su strade mediamente ristrette con fondo sostanzialmente buono. Discesa veloce su Cinto Euganeo per affrontare il Muro di Calaone da Rivadolmo (max 18%) prima dell’ultima veloce parte di tappa. Ultimi 15 km con la veloce discesa di Calaone su Este lungo una strada larga con ampi tornanti. Dopo Este si raggiunge Monselice attraverso strade pianeggianti e rettilinee. Da segnalare circa a 3km dall’arrivo l’ingresso nell’abitato attraverso un sottopasso ferroviario e l’ultima curva a gomito verso sinistra a 400 m dall’arrivo che immette nel rettilineo finale su asfalto largo 8 m.