Mancini
Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Archiviato il pareggio ottenuto contro la Bosnia, l’Italia si prepara per la seconda sfida di Nations League, in programma domani in trasferta contro l’Olanda.

Stefano Sensi
Foto Getty / Claudio Villa

Una partita da vincere per gli azzurri, che cambieranno molti dei propri interpreti rispetto alla gara di Firenze giocata venerdì. Intervenuto in conferenza stampa, il ct Mancini ha ammesso: “tra stasera e domani dovremo verificare le condizioni di tutti, ma è probabile che dovremo cambiare molti giocatori. Ci sono giocatori che hanno fatto solo due allenamenti e sono venuti in ritiro, senza neppure giocare una partita. Anche nel rispetto di tutti i giocatori, non vogliamo che abbiano degli infortuni. Non è pensabile, per esempio, che uno come Sensi giochi due partite in quattro giorni. Chiellini giocherà, così come Donnarumma, Jorginho e Immobile“.

Lorenzo Insigne
Foto Getty / Claudio Villa

Mancini poi ha proseguito: “i giovani sono parte integrante della squadra, da un anno e mezzo ormai. Locatelli? Lo abbiamo tenuto con noi perché pensiamo di utilizzarlo anche a partita in corso. Ha fatto bene nell’ultimo campionato, è cresciuto molto. Sarà una partita sicuramente più spettacolare rispetto a quella con la Bosnia, gli olandesi attaccano di più. Non dobbiamo perdere la nostra identità e bisogna allo stesso tempo vincere“.