Sainz
Pool/Getty Images

Felice sì, ma fino ad un certo punto, essendosi avvicinato tantissimo alla prima vittoria in Formula 1 senza però afferrarla. Carlos Sainz lascia Monza con la consapevolezza di aver sprecato un’occasione, che forse difficilmente ricapiterà in questa stagione, vista la superiorità delle Mercedes.

Sainz
Pool/Getty Images

Interrogato nel post gara ai microfoni di Sky Sport, il pilota della McLaren ha ammesso: “è mancato un giro, sì. Ma la vittoria se n’è andata con la bandiera rossa. Dietro la Safety Car sapevo che Lewis aveva una penalità di 10 secondi di stop and go, quindi sapevo di essere il leader a quel punto. Quando è uscita la bandiera rossa ero molto incazzato. Sapevo che avevo una gomma media usata che non era il massimo per gli ultimi giri, ma anche così avevamo un passo talmente buono che ho potuto superare tutti e raggiungere Gasly. Se ho pianto? NoPerò finire secondo a quattro decimi dal primo è dura. Spero di avere altre occasioni“.

Sainz GP Ungheria
Bryn Lennon/Getty Images

Lo spagnolo poi ha proseguito: “sappiamo che vincere non è facile in questa F1 visto che c’è Mercedes, oggi abbiamo avuto la nostra opportunità. Ci è mancata la fortuna che ha forse avuto Pierre con la bandiera rossa. Abbiamo avuto un ottimo passo, in pista abbiamo dato tutto. Vado a letto contento per la mia performance, ma consapevole che oggi si poteva vincere in una gara senza bandiera rossa“.