FILIPPO RUBIN

La Federazione Italiana Pallavolo precisa che l’evento denominato “prima tappa dell’Associazione Italiana Beach Volley Club Cup” tenutasi sabato e domenica a Bellaria è da considerarsi a tutti gli effetti una manifestazione non riconosciuta.

L’AIBVC, infatti, ha organizzato l’evento sotto l’egida dell’ASI, ma le modalità di organizzazione e svolgimento non consentono alla manifestazione di poter essere considerata promozionale. A quanto risulta, inoltre, durante lo svolgimento della due giorni di gare non è stato osservato alcun protocollo di ripresa delle attività anti COVID, a partire dalle più semplici forme di prevenzione quali la misurazione della temperatura corporea.

Per tali motivazioni la FIPAV, nel ricordare che in base ai vigenti regolamenti federali del beach volley per tutti i tesserati “…l’eventuale partecipazione a gare e tornei di beach volley non autorizzati dalla Federazione Italiana Pallavolo costituisce infrazione disciplinare…”  rende noto che verranno presi provvedimenti nei confronti di tutti coloro che hanno partecipato alla manifestazione, in linea e nel rispetto di quanto previsto dai vigenti regolamenti federali e internazionali.