Lewis Hamilton
Foto Getty / Pool

Non è riuscito a conquistare la seconda pole consecutiva sul circuito di Silverstone, Lewis Hamilton per questo motivo ha fatto mea culpa, prendendosela con se stesso a causa degli errori commessi nel giro cruciale.

Hamilton e Bottas
Pool/Getty Images

Il britannico non ha cercato scuse, proiettandosi già sulla gara per provare a riscattare un sabato sotto tono: “Valtteri ha fatto un lavoro fantastico, ha messo insieme un giro molto forte quando era importante prendere la pole. Il mio primo giro in Q3 è stato buono, ma il secondo non è stato granché. Non sono riuscito a fare un buon lavoro, ho fatto un paio di errori alla fine e li ho pagati perdendo la pole. Il cambio di direzione del vento ha reso le cose un po’ più complicate, ma è stato lo stesso per tutti, quindi non ci sono scuse. Non è facile seguire un’altra vettura su questa pista, ma spero che le gomme più morbide e le temperature calde creino qualche opportunità e rendano la gara emozionante. Sapete che darò tutto per cercare di battere Valtteri”.