Scaroni
Alessandro Sabattini/Getty Images

Stefano Pioli rimarrà l’allenatore del Milan almeno fino al 2022, niente ribaltone dunque alla fine di questa stagione, con il club rossonero che ha deciso di abbandonare l’idea Rangnick e confermare il proprio allenatore.

Pier Marco Tacca/Getty Images

Una scelta spiegata ai canali ufficiali della società dal presidente Scaroni, contento di questa continuità: “sono molto contento di avere ancora Pioli, che ci ha portato un Milan così giovane, divertente e attivo, non può che farmi piacere. La continuità non puoi che farci bene. In Lega quando incontro chi lo ha avuto come allenatore nessuno ne parla male, anzi. Ha saputo costruirsi una credibilità e una stima nel mondo del calcio. Lo considero un vero gentleman, si è comportato così nel momento più delicato, anche quando pensava che nella prossima stagione sarebbe stato sostituito. Lui non ha fatto dichiarazioni in merito ed è rimasto concentrato e focalizzato sul suo lavoro. Mi sembra la miglior prova della nostra scelta“.

Pioli
Marco Luzzani/Getty Images

Il presidente del Milan poi ha proseguito: “la squadra è stabilizzata sulla parte sportiva e questo ci consente di guardare ad altri aspetti. Lo stadio ad esempio: senza un impianto moderno ed efficiente il futuro del Milan sarà molto più difficile. O le sponsorizzazioni, di cui abbiamo bisogno per portare il bilancio del club su un terreno positivo. Tornando al lato sportivo, sono molto confortato dal sapere che Stefano Pioli rimarrà con noi per almeno i prossimi due anni. Mi aspettavo un progresso, ma questi sono stati ‘progressoni’. Partite fantastiche, mi hanno fatto divertire. Soprattutto quella con la Juventus, una gara che ha diminuito il mio dolore per quel derby perso con l’Inter nell’inverno scorso“.