Coronavirus
Carsten Koall/Getty Images

La Protezione Civile ha diramato il consueto bollettino aggiornato sull’emergenza Coronavirus in Italia. I nuovi casi nelle ultime 24 ore sono 333 su 58.154 tamponi, appena lo 0,57% dei test processati. I decessi invece sono 66, mentre oltre mille le persone guarite o dimesse. Scende il numero delle persone attualmente malate e ricoverate, ma aumenta di cinque unità quello delle persone attualmente in terapia intensiva.

Coronavirus
WPA Pool/Getty Images

Questa la nota della Protezione Civile: “oggi, 18 giugno, il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 238.159*, con un incremento rispetto a ieri di 333 nuovi casi. Il numero totale di attualmente positivi è di 23.101, con una decrescita di 824 assistiti rispetto a ieri. Tra gli attualmente positivi, 168 sono in cura presso le terapie intensive, con un incremento di 5 pazienti rispetto a ieri. 2.867 persone sono ricoverate con sintomi, con un decremento di 246 pazienti rispetto a ieri. 20.066 persone, pari all’87% degli attualmente positivi, sono in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Rispetto a ieri i deceduti sono 66 e portano il totale a 34.514. Il numero complessivo dei dimessi e guariti sale invece a 180.544, con un incremento di 1.089 persone rispetto a ieri“.

Nel dettaglio, i casi attualmente positivi sono 14.647 in Lombardia, 2.290 in Piemonte, 1.281 in Emilia-Romagna, 607 in Veneto, 438 in Toscana, 246 in Liguria, 997 nel Lazio, 577 nelle Marche, 242 in Campania, 306 in Puglia, 59 nella Provincia autonoma di Trento, 637 in Sicilia, 97 in Friuli Venezia Giulia, 434 in Abruzzo, 85 nella Provincia autonoma di Bolzano, 16 in Umbria, 31 in Sardegna, 6 in Valle d’Aosta, 35 in Calabria, 60 in Molise e 10 in Basilicata.

*Si comunica che la Regione Abruzzo ha effettuato un ricalcolo dei casi totali, sottraendo due errati positivo

Il bilancio dell’Italia aggiornato ad oggi:

  • 238.159 casi totali
  • 34.514 morti
  • 180.544 guariti

Le persone attualmente positive al Coronavirus sono 23.101, così suddivise:

  • 2.867 ricoverate in ospedale (13,0%)
  • 168 ricoverate in terapia intensiva (0,7%)
  • 20.066 in isolamento domiciliare (86,3%)