Ibrahimovic
Marco Luzzani/Getty Images

Sampdoria Campione d’Italia, Milan tristemente ultimo, Brescia, Roma e Cagliari in Champions League. È la speciale classifica della sostenibilità sul web stilata da AvantGrade.com, agenzia SEO e digital marketing fondata da Ale Agostini, basata su un apposito strumento che misura quante emissioni produce un sito internet sulla base di determinati parametri tecnici, restituendo anche un equivalente di CO2 emessa in km percorsi in auto e aereo. Lo studio analizza il consumo prodotto dai siti web dei venti club di Serie A. In generale nessun può definirsi davvero green ma c’è chi fa meglio di altri.

Hakan Calhanoglu
Foto Getty / Alessandro Sabattini

Non c’è pace per il Milan: il club di Via Aldo Rossi, già alle prese con una stagione tutt’altra che rosea, si ritrova mestamente ultimo in classifica con un +1858% di CO2 emessa in più rispetto alla media, l’equivalente di 13.161 km percorsi da un aereo di linea e 28.203 da un’auto. Retrocede insieme a Verona (+1601%) e Bologna (+1289). Lo Scudetto della sostenibilità va alla Sampdoria. Il Club del Presidente Ferrero produce “solo” il 7% annuo di CO2 in più rispetto alla media. Porta con sé in Champions League il Brescia (+68), la Roma (+69%) e il Cagliari (+106%).

Male le big. L’Inter chiude al sedicesimo posto con un +420% di CO2 emessa rispetto alla media, l’equivalente di 3495 km percorsi da un aereo di linea e 7489 km da un’auto. Solo dodicesimo il Napoli (+238%) che però arriva davanti alla Juventus. Il club bianconero infatti, è tredicesimo con +239%, quindi di poco sotto al club partenopeo per una rivalità che si consuma anche sul web. Più staccata c’è la Lazio del Presidente Lotito: il sito web del club biancoceleste produce un 314% di emissioni in più rispetto alla media.

I dati della studio AvantGrade.com sono tratti dal “misuratore del web CO2” lo strumento che calcola i byte per caricare una pagina, la relativa energia consumata e quindi l’emissione di anidride carbonica su base annua. I valori di emissione ottenuti sono comparati con un termine di paragone che è il valore mediano globale di CO2. *

I siti web inquinano e il calcio, lo sport più popolare in Italia, dovrebbe dare l’esempio per ridurre le emissioni di CO2” – commenta Ale Agostini, autore Hoepli e Direttore di AvantGrade.com. “Ogni anno rilanceremo questa classifica per vedere quale società è più attenta all’ambiente lato website. Bastano pochi e mirati accorgimenti per essere più sostenibili, specialmente in vista dell’imminente calciomercato estivo che è un periodo di picco di accessi per i siti calcistici”.

LO SCUDETTO DELLA SOSTENIBILITÀ: CLASSIFICA SERIE A
SQUADRA% INQUINAMENTO WEB (rispetto alla media)
SAMPDORIA+7%
BRESCIA+68%
ROMA+69%
CAGLIARI+106%
UDINESE+111%
LECCE+124%
ATALANTA+128%
SASSUOLO+154%
TORINO+160%
FIORENTINA+200%
SPAL+201%
NAPOLI+238%
JUVENTUS+239%
LAZIO+314%
GENOA+317%
INTER+420%
PARMA+477%
BOLOGNA+1289%
VERONA+1601%
MILAN+1858%