marc marquez
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Oltre ad essere uno dei piloti italiani più forti della storia delle due ruote, Loris Capirossi è anche un vero e proprio esperto di moto 500 a due tempi. ‘Capirex’ ha corso su questa tipologia di moto nel biennio 1995-96 e dal 2000 al 2002, conquistando anche l’ultimo podio di una 500 a due tempi grazie al terzo posto nel Gp del Pacifico 2002.

Intervistato dalla ‘Rosea’, Capirossi ha parlato della buona possibilità che i piloti dell’odierna MotoGp possano adattarsi alle 500 a due tempi, moto nelle quali il talento fa davvero la differenza: “io sono fermamente convinto che i grandi campioni della MotoGP avrebbero vinto comunque, anche con le due tempi. Un fenomeno è tale sia con una MotoGP che con una 500. Magari gli sarebbe servito un po’ più tempo per imparare… se mettessimo Marquez su una 500 avrebbe bisogno di due giorni per adattarsi, ma sarebbe comunque un vincente. È sicuramente vero che le MotoGP a quattro tempi sono più facili, il pilota con un po’ meno talento riesce a stare più vicino ai più forti. Ma alla fine è sempre il talento a fare la differenza. Sarebbe bello vedere i piloti di oggi sulle moto di allora: secondo me non tutti potrebbero essere veloci, ma sarebbero in tanti ad andare forte comunque“.