La quarantena di Raikkonen, Kimi tra messaggi importanti e allenamenti: “non ho grandi problemi, posso persino fare motocross”

Kimi Raikkonen racconta la sua quarantena: le parole del finlandese dell'Alfa Romeo durante l'emergenza coronavirus

Tutto fermo in F1 a causa dell’emergenza coronavirus: i piloti, come tutti noi, sono costretti a restare in casa finchè la situazione legata alla pandemia non migliorerà. Quarantena in famiglia dunque per Kimi Raikkonen, che sicuramente non si annoia nella sua grande dimora con i suoi dolci figli e la moglie Minttu.

kimi raikkonen
Charles Coates/Getty Images

Questa pandemia è stata un brutale risveglio per tutti, non solo per il piccolo mondo della F1. Ciò che deve accadere, semplicemente accade. Ora l’obiettivo è la salute e quando tutto accade ci sarà tempo per porre domande e chiedere risposte. Non guardo molto le notizie in televisione e non leggo il giornale troppo spesso. Resto al passo con il mio cellulare, ma non sono ossessionato. Inoltre, anche se avessi bisogno di saperne di più, non potrei perché i bambini mi tengono occupato. Essere papà è un lavoro a tempo pieno“, ha dichiarato il finlandese ad AutoHebdo.

Raikkonen
Mark Thompson/Getty Images

Tutto ciò che sta accadendo è abbastanza spaventoso e sembra impossibile controllare il virus, ma non dovrebbe diffondersi, sarebbe la cosa peggiore che potremmo fare. Dobbiamo solo rispettare ciò che ci dicono: rimanere a casa“, ha continuato il pilota dell’Alfa Romeo che ha poi ammesso, comunque, che la sua quarantena non è poi così noiosa: “non ho problemi di allenamento. Ho creato una piccola palestra e abbiamo abbastanza spazio per poterci allenare fuori casa. In effetti, lo spazio è così grande che posso persino fare il motocross“.