MotoGp, il Mondiale 2020 secondo Ezpeleta: “due gare per ogni circuito europeo, il via a fine luglio”

Il CEO della Dorna ha parlato delle possibili modalità in cui verrà svolto il Mondiale 2020, che potrebbe partire a fine luglio

La Dorna continua a interrogarsi in quali condizioni verrà svolto il Mondiale 2020, sono tante le ipotesi al vaglio di Carmelo Ezpeleta e dei suoi collaboratori, in costante contatto con FIM e IRTA.

Carmelo Ezpeleta
Foto Getty / Mirco Lazzari gp

Il CEO spagnolo ha espresso le sue considerazioni a BT Sports, paventando l’inizio della stagione a fine luglio: “sin dal Qatar stiamo lavorando davvero duro, cercando di sistemare il calendario e averne uno per questa stagione. Siamo stati a stretto contatto con FIM, con IRTA, specialmente con i Costruttori. E abbiamo potuto pensare ai diversi scenari possibili. Quello più ottimistico è cercare di iniziare alla fine di luglio. Iniziare in quel periodo è possibile, proveremo a fare un Mondiale in Europa, iniziando alla fine di luglio o all’inizio di agosto, poi vedremo quale sarà la situazione e considereremo la possibilità di andare in posti in cui potremo andare alla fine della stagione“.

Ezpeleta
Mirco Lazzari gp/Getty Images

Ezpeleta ha poi proseguito: “forse sarà possibile fare 2 eventi consecutivi sulla stessa pista per poi muoversi in un’altra. In Europa c’è anche la possibilità di muoversi in macchina, dunque una situazione più facile. Lo scenario di cui parlo prevede l’avvio del Mondiale a fine luglio e la fine nel mese di novembre. Penso che le gare siano prive di spettatori. Per ora stiamo considerando questo, perché, sfortunatamente, non credo che per questa stagione sarà possibile fare gare con i fan sugli spalti. Sarà davvero complicato. Stiamo cercando di capire dove sia possibile fare le gare senza gli spettatori“.