Tyson
Noam Galai/Getty Images

Ne aveva già parlato qualche tempo fa, questa volta Mike Tyson ha deciso di scendere nei particolari per raccontare l’aggressione subita da una donna, attaccata dalla tigre dell’ex pugile.

Tyson
James Gilbert/Getty Images

Durante una chiacchierata con il rapper Fat Joe, Iron Mike ha fatto luce sulla vicenda, raccontando come il felino staccò il braccio alla malcapitata: “la tigre non scappò di casa, non andò così. Qualcuno scavalcò il recinto dove era la tigre e iniziò a giocarci. La tigre non conosceva la ragazza, fu lei a saltare dentro la proprietà in cui si trovava la tigre. Quando vidi ciò che era successo, le diedi 250 mila dollari, qualunque cosa fosse. E’ incredibile ciò che le tigri possono fare con la carne umana, non ne avevo idea“. Tyson ha poi rivelato il motivo che lo ha spinto a tenere una tigre dentro casa: “ero un pazzo allora, non c’è modo di domare certi animali al 100%, non succederà mai. Ti uccidono per caso, non vogliono nemmeno farlo, succede per caso. Sono troppo forti, specialmente quando giochi duro con loro. L’idea di averne una? Ero in prigione a parlare con un amico da cui ho comprato un’auto. Il padre aveva tigri e leoni, un paio di mesi dopo sono tornato a casa e mi regalò un cucciolo“.

Infine, l’ex pugile ha raccontato la storia di Kenya, la tigre protagonista dell’incidente con la vicina: “Kenya e pesava circa 250 chili, le ero molto affezionato, l’ho accudita, dormivo con lei e la tenevo nella mia stanza. E’ rimasta con me per circa 16 anni, ma poi è diventata troppo vecchia e ho dovuto liberarmi di lei quando i suoi occhi e la sua testa hanno cominciato ad avere dei problemi. Ah, e anche perché ha strappato via il braccio a una persona“.