jean todt
Alexander Hassenstein/Getty Images

L’accordo tra FIA e Ferrari sulla power unit 2019 sta facendo ancora discutere nel paddock dell’Albert Park di Melbourne, alla vigilia del Gp d’Australia, prima gara della stagione 2020 di F1.

jean todt
Charles Coates/Getty Images

7 team si sono ribellati, scrivendo una lettera alla FIA manifestando il loro disappunto accusando il presidente della FIA, che si è sfogato duramente sui media britannici: “costruire un’inaccurata ricostruzione dei fatti, basata su pregiudizi, non vuol dire soltanto sfidare la decisione della FIA, ma mettere in dubbio l’integrità e l’autorità della federazione e dei suoi rappresentanti, suggerendo una collusione fraudolenta tra la FIA e la Scuderia Ferrari. L’attitudine dei team va molto oltre una richiesta legittima per ulteriori chiarimenti, che sarebbe stata ben accetta dalla FIA; è una fonte di danno per l’intero campionato del mondo. La FIA rigetta con forza le accuse. Accuse lesive e diffamatorie, portate senza riflettere, contro la FIA e i suoi membri chiave compreso il presidente“.