leclerc
Mark Thompson/Getty Images

La Formula 1 aveva provato a resistere fino all’ultimo, provando a disputare almeno la prima gara. Piloti e scuderie erano giunti a Melbourne, Australia, con una situazione legata all’emergenza Coronavirus che, tutto sommato, sembrava sotto controllo. Poi i primi casi all’interno del paddock, personale che mostrava i sintomi di contagio dal Covid-19, l’annullamento della gara di Melbourne come logica conseguenza.

Annullamento al quale hanno fatto seguito altri due rinvii. A causa dell’emergenza legata al Coronavirus, la Formula 1 ha deciso di rinviare il Gp del Bahrain previsto per il 22 marzo a Sakhir e quello del Vietnam del 5 aprile ad Hanoi. Il nuovo inizio della Formula 1 sembra previsto per maggio (forse Montecarlo, il 24).

Chase Carey ha dichiarato: “la situazione globale del contagio al COVID-19 non consente di fare previsioni, serve il tempo corretto per capire la situazione e prendere le decisioni corrette. Stiamo decidendo insieme alla Fia e agli organizzatori per assicurare la sicurezza di tutti coloro che fanno parte della comunità della F.1. L’obiettivo è recuperare il prima possibile sia il Barhain sia il nuovo GP del Vietnam“.