Foto Getty / Michael Steele

Il tanto atteso decreto legge è finalmente arrivato. Nella serata odierna, il governo ha preso una decisione in merito alla situazione sportiva italiana, stravolta dall’emergenza Coronavirus. Al fine di impedire una maggiore esposizione al contagio, le manifestazioni sportive si svolgeranno a porte chiuse fino al prossimo 3 aprile. Nel decreto legge è presente l’obbligo di controlli sanitari per tesserati, atleti, tecnici, dirigenti e accompagnatori.

Per quanto riguarda le gare di Serie A rinviate, il programma del recupero nel weekend dovrebbe prevedere: Sampdoria-Verona sabato sera, Milan Genoa alle 12:30 di domenica, Parma-Spal e Sassuolo-Brescia alle 15:00, Udinese-Fiorentina alle 18:00 e Juventus-Inter alle 20:45.

Juventus
Catherine Ivill/Getty Images

Di seguito la parte del decreto legge riguardante le manifestazioni sportive: “sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d). Le disposizioni del presente decreto producono il loro effetto dalla data di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sono efficaci, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020”.