AFP/LaPresse

Lo sciatore italiano chiude al secondo posto la discesa d’apertura della stagione, fermandosi a due centesimi da Dressen

Dominik Paris c’è. E’ secondo nella discesa d’apertura della stagione a Lake Louise. Ma la vittoria va al tedesco Thomas Dressen, per due centesimi più veloce dell’azzurro, guadagnati nel finale di scorrimento della pista canadese. La vittoria di Dressen, la terza in carriera, acquisisce maggior valore se si considera che il tedesco era al rientro da un infortunio che lo aveva tenuto lontano dalle piste nella passata stagione. Ma per il gigante della Val d’Ultimo arriva la garanzia che anche quest’anno potrà combattere per la vittoria su tutte le piste del circuito.

Paris ha studiato perfettamente, come al solito, la pista durante le due prove cronometrate, per mettere poi in pista una gara quasi perfetta, che gli aveva permesso di stare davanti ai due svizzeri che erano fra i favoriti, Carlo janka e Beat Feuz, entrambi terzi a pari merito. 24 i centesimi che Paris era riuscito a rifilare alla coppia elvetica, grazie ad una partenza molto veloce, ad una parte centrale in linea, e ad un finale al fulmicotone. Un’ottima prova per il trentenne carabiniere azzurro, poi battuto dall’exploit di Dressen. Il primo degli austriaci è Matthias Mayer, quinto, mentre Kjetil Jansrud è settimo.

Buona gara gara per Emanuele Buzzi, anch’egli al rientro dopo l’infortunio patito lo scorso anno a Wengen. Buzzi ha chiuso al 18° posto, a 1″63 da Dressen. E’ uscito invece Mattia Casse, mentre si è classificato fuori dalla zona punti Peter Fill, ancora non a posto fisicamente, dopo la brutta caduta dello scorso anno a Beaver Creek. Per Paris si è trattato del 33esimo podio in carriera, mentre il suo ruolino di marcia nella classica di Lake Louise, lo vede vincitore nel 2013 e poi autore di altri tre podi: lo scorso anno fu terzo, quest’anno è salito di un gradino. Il campione azzurro ci riproverà nel superG di domenica, con partenza alle 20.15 italiane.

Un inizio di stagione perfetto, di cui sono molto contento – ha detto Paris al traguardo – certo quei due centesimi potevano non esserci, ma non cambia poi molto. Forse mi aspettavo che potesse essere qualcun altro a passarmi, Feuz o Janka, ma quando ho visto Dressen al Followay e ho capito che era molto veloce, ho pensato che poteva battermi e così è stato. Però sono molto felice per la mia gara e ora penso a domani, al superG, quando ci si rimette in gioco e si vede cosa si riesce a fare. Ci sono molti atleti veloci su questa pista: Mayer, Kriechmayr, Janka, Jansrud e sinceramente non so dire chi potrà vincere domani. Si tratterà di fare bene la ricognizione e poi di portare in gara la massima velocità“.

Ordine d’arrivo DH maschile Lake Louise (Can):

  1. DRESSEN Thomas 1993 GER
    2. PARIS Dominik 1989 ITA
  2. JANKA Carlo 1986 SUI
  3. FEUZ Beat 1987 SUI
  4. MAYER Matthias 1990 AUT
  5. CAVIEZEL Mauro 1988 SUI
  6. KRIECHMAYR Vincent 1991 AUT
  7. JANSRUD Kjetil 1985 NOR
  8. THEAUX Adrien 1984 FRA
  9. NYMAN Steven 1982 USA
  10. GANONG Travis 1988 USA
  11. KILDE Aleksander Aamodt 1992 NOR
  12. CLAREY Johan 1981 FRA
  13. FERSTL Josef 1988 GER
  14. BAUMANN Romed 1986 GER
  15. MUZATON Maxence 1990 FRA
  16. DANKLMAIER Daniel 1993 AUT
    18. BUZZI Emanuele 1994 ITA
  17. KOSI Klemen 1991 SLO
  18. BAILET Matthieu 1996 FRA
  19. ALLEGRE Nils 1994 FRA
  20. HINTERMANN Niels 1995 SUI
  21. STRIEDINGER Otmar 1991 AUT
  22. BENNETT Bryce 1992 USA
  23. CATER Martin 1992 SLO
  24. WALDER Christian 1991 AUT
  25. FRANZ Max 1989 AUT
  26. REICHELT Hannes 1980 AUT
  27. GOLDBERG Jared 1991 USA
  28. COCHRAN-SIEGLE Ryan 1992 USA
  29. THOMSEN Benjamin 1987 CAN

33. FILL Peter 1982 ITA
CASSE Mattia 1990 ITA DNF

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE