Binotto
Photo4/LaPresse

Il team principal della Ferrari ha spiegato a dovere la strategia utilizzata in partenza, spegnendo la piccola polemica innescata da Leclerc

Delusione e rabbia in casa Ferrari dopo il Gran Premio di Russia, il terzo posto di Charles Leclerc non può bastare per lenire l’amarezza considerando la velocità mostrata dalle due ‘Rosse’ nel week-end di Sochi.

binotto leclerc vettel
photo4/Lapresse

Uno stato d’animo palesato ai microfoni di Sky Sport F1 da Mattia Binotto, che ha analizzato nel dettaglio la gara e il problema occorso a Vettel: “non siamo stati perfetti, oggi l’abbiamo lasciata lì. L’amarezza è tanta, ma siamo incoraggiati dalla prestazione della vettura, ci saranno altre gare su cui rifarsi. Per vincere bisogna essere affidabili, abbiamo avuto un problema alla PU nella parte ibrida, dovremo capire dalla telemetria cosa sia accaduto nel dettaglio. Abbiamo detto al pilota di fermarsi subito per motivi di sicurezza, la scelta dunque era quella giusta. La strategia? Avevamo chiesto a Charles di concedere la scia a Seb per essere primo e secondo al primo giro, forse avremmo dovuto essere più chiari con lui prima della gara. Cambiare le posizioni subito non sarebbe stato ideale. La partenza è stata naturale e normale, non è che Charles ha concesso la scia, ma se l’è presa Vettel. Sono contento per Seb, ha tenuto un bellissimo ritmo e aveva oltre quattro secondi ad un certo punto su Leclerc. La scelta di Charles di fermarsi cedendo la posizione a Bottas? Se non si fosse fermato avremmo tenuto la seconda posizione, ma lui è un pilota a cui piace attaccare. Abbiamo tentato la scommessa per attaccare il primo posto, ma è andata così”.