Kyrgios attacca Djokovic: “vuole essere Federer, spera che il pubblico lo ami!”. La risposta di Nole è una lezione di stile

Nick Kyrgios attacca Novak Djokovic criticandone l’atteggiamento ‘ruffiano’ verso il pubblico: la risposta del tennista serbo è una lezione di stile

Nei giorni scorsi, Nick Kyrgios si era guadagnato l’attenzione dei media grazie a delle dichiarazioni pungenti riferite al numero 1 al mondo, Novak Djokovic. Il tennista australiano aveva criticato l’atteggiamento ‘ruffiano’ che il tennista serbo ha, a suo dire, verso il pubblico. L’esultanza con il cuore è stata definita ‘stucchevole’, un tentativo di guadagnarsi la simpatia dei tifosi ed imitare Roger Federer: “ha una malsana ossessione e bisogno di essere amato. Vuole essere Roger Federer. Desidera così tanto essere amato che non lo sopporto più. Diventa imbarazzante. Non importa quanti Grand Slam vince, non sarà mai il più grande per me. Anche solo per il fatto l’ho affrontato due volte e, scusa, se non puoi battermi, allora non sei il più grande della storia (2-0 negli scontri diretti, vittorie in due set a Acapulco e Indian Wells 2017)”.

Interrogato sull’argomento dai giornalisti a Belgrado, Djokovic ha preferito gettare acqua sul fuoco, placando le polemiche con grande classe: “penso che fondamentalmente, sia una brava persona. Non so perché ha detto tutte quelle cose. Vuole attirare l’attenzione? Vuole distinguersi? Apparentemente vuole essere integro, aperto, trasparente, fa parte del suo personaggio. Mi mostra rispetto come fanno gli altri? No, non lo mostra. È il suo modo di comunicare. Non ho mai avuto questo genere di problemi con altri giocatori del tour, ma non ci perdo il sonno. Non so perché abbia detto certe cose, ma non lo giudico”.