LaPresse/PA

Bradley Wiggins ha stilato le sue previsioni in vista del Giro d’Italia 2019, con Yates favorito per la corsa a tappe in rosa

Bradley Wiggins in versione ‘opinionista’. Il ciclista iridato e vincitore del Tour de France, ha parlato ai microfoni di Eurosport dell’imminente Giro d’Italia 2019, stilando anche una sua personale lista dei favoriti. “Penso che il Giro sia il più duro di tutti. Niente è definitivo fino alla fine come abbiamo visto l’anno scorso con corridori che rimontavano nell’ultima settimana e negli ultimi giorni e poi hanno fatto un tempo grandioso. È una corsa davvero entusiasmante da vedere. Il Tour è diventato un po’ come una squadra di calcio allenata da Jose Mourinho. In alcune partite Mourinho veniva semplicemente usato per parcheggiare l’autobus davanti alla rete. E questo è quello che fa Sky: parcheggiano il bus con i corridori più forti sulla pista e vincono la corsa. Così a corridori come Tom Dumoulin che non hanno un team forte non resta molto da fare. Nel Giro invece c’è più libertà perchè ognuno ha un solo corridore e penso che questo lo rende più bello da guardare. Per questo ciclisti come Dumoulin scelgono il Giro al posto del Tour“, ha dichiarato Wiggins.

vincenzo nibali
Gian Mattia D’Alberto/LaPresse

Wiggins ha detto la sua anche sull’ipotesi paventata da Nibali di vincere sia Giro che Tour: “Sarà molto difficile. Non è mai stato adatto al Tour, anche se ha vinto la corsa. Quell’anno probabilmente beneficiò di alcune cadute di Contador e Froome. Ma è comunque un ciclista di classe. Potrebbe essere capace di vincere entrambi ma il Giro è una corsa davvero dura. Secondo me potrebbe riuscirci Froome, ma non so se proverà a farlo quest’anno. Lo sport sta cambiando continuamente e chissà se qualcuno lo farà ancora ma penso che la nuova generazione ne sarà in grado. Dumoulin ne è un’indicazione. Nibali non bisogna mai sottovalutarlo, lo abbiamo visto al Giro qualche anno fa quando sembrava perso e rimontò gli ultimi giorni. Vincenzo è un corridore della vecchia scuola, capace di tutto, sempre. Come Pantani. Il favorito per il Giro per me è Simon Yates. Credo che lui voglia davvero vincere e che questo sia il suo momento. Ma sarà agguerrita quest’anno con Nibali, Roglic e Dumoulin“.